Accedi

Mutui

Mutui, Abi: dal 2009 rate sospese a 147.431 famiglie per 14,8 miliardi

Nel quadro generale delle priorità per la crescita rientra la capacità delle banche di accompagnare la fase di rilancio del mercato immobiliare, con il risultato di un aumento dell’1,9%, a gennaio 2017, dell’ammontare totale dei mutui in essere delle famiglie rispetto a gennaio 2016
Roma, 18 Mar 2017 09:36:00
fonte: ilVelino/AGV NEWS
Le banche sono fortemente impegnate a rafforzare la fiducia e contribuire a consolidare la crescita, confermando innovative capacità di intervento a favore delle famiglie sul versante della sostenibilità delle rate: tra novembre 2009 e dicembre 2016 sono state 147.431 le famiglie che hanno potuto sospendere il pagamento delle rate dei mutui per un debito residuo pari a 14,8 miliardi di euro e una maggior liquidità messa a disposizione delle famiglie stesse pari ad 829 milioni di euro. Lo comunica l’Abi analizzando i dati delle principali iniziative che negli anni hanno visto coinvolti settore bancario, interlocutori pubblici e Associazioni dei Consumatori in una larga e puntuale collaborazione. In particolare: - Sospensione dei pagamenti delle rate di mutuo (misura del Piano famiglia 2009-2013); - Fondo del Mef di solidarietà dei mutui per l’acquisto della prima casa, operativo dal 2010; - Sospensione della quota capitale dei crediti alle famiglie (Accordo Abi-Associazioni dei Consumatori operativo dal 2015).

Tutte iniziative che rientrano nel più generale progetto “CREDIamoCI”: impegno comune di Abi e Associazioni dei consumatori a fronte dell’attuale contesto economico e normativo Ue. Un programma di lavoro su tre principali ambiti: accesso al credito, sostegno alle famiglie in difficoltà e consapevolezza dei consumatori. Accanto a ciò, nel quadro generale delle priorità per la crescita rientra la capacità delle banche di accompagnare la fase di rilancio del mercato immobiliare, con il risultato di un aumento dell’1,9%, a gennaio 2017, dell’ammontare totale dei mutui in essere delle famiglie rispetto a gennaio 2016.