Accedi

Politica

Napoli, protesta degli studenti contro aumento tasse di iscrizione al Conservatorio San Pietro a Majella

De Cristofaro (SI): "Piena solidarieta' a studenti e lavoratori"
Napoli, 10 Oct 2017 16:00:00
fonte: ilVelino/AGV NEWS
Gli studenti del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, hanno improvvisato in strada un concerto contro l'aumento delle retta di iscrizione. In molti, soprattutto politici campani, hanno appoggiato i ragazzi contro questa scelta deliberata dal CdA. "Sinistra Italiana esprime piena solidarietà ed è vicina alla battaglia di tutti, studenti e lavoratori del Conservatorio di Napoli contro l'aumento spropositato delle tasse di iscrizione". Lo affermano in una nota congiunta i Senatori Alessia Petraglia, Capogruppo di Sinistra Italiana in Commissione Istruzione e Cultura, e Peppe De Cristofaro, Vice Presidente della Commissione Esteri. "La centralità dell’arte, e in particolare dell'alta formazione musicale - proseguono i due esponenti di Sinistra Italiana - sono indispensabili per l’identità dell'intero paese. Tuttavia, anche per il territorio in cui si pone come valore di crescita sociale ed economica, la cultura non si vende e i Conservatori non sono aziende. Per ricostruire e rilanciare un settore, non si può fare cassa sugli studenti". "Un aumento così eccessivo dei costi - continuano i Senatori Petraglia e De Cristofaro - lede il diritto allo studio, e aumenta le già forti disuguaglianze, perché restringe la platea degli studenti ai soli privilegiati. Mentre nelle principali città europee (Londra, Berlino, Parigi), i conservatori di musica e le scuole di alta formazione artistica e musicale sono luoghi aperti e accessibili a grandissima parte dei giovani, in Italia, e soprattutto nel Mezzogiorno, si continuano a falcidiare, negando risorse indispensabili. Affinché il Governo non si mostri ancor più ridicolo di quanto sia, è possibile invertire la rotta e ridare centralità e dignità all'Alta Formazione Artistica e musicale, investendo nei conservatori statali, accogliendo quanto chiediamo nel ddl sulla 'Statizzazione ex istituti musicali pareggiati' e - concludono i Senatori - stanziando significative risorse nella Legge di Bilancio".