Accedi

Cise

Cise, Russo, Fi: Colma gap logistico. Vera rivoluzione agricola è consentire che made in Italy del Sud raggiunga il mondo

Favorre il sistema della logistica - prosegue il deputato di Forza Italia - significa contribuire in chiave democratica a rendere pari sul piano della veicolazione e della logistica i prodotti che sono realizzati nel Mezzogiorno
Roma, 25 Jul 2017 16:05:00
fonte: AGV NEWS/AGRICOLAE
"Un opportunità importante che mette insieme le esigenze di logistica con le esigenze delle attività produttive. Se c'è una criticità che si registra nella filiera agricola, soprattutto nel Mezzogiorno,è quella della logistica". Così ad AGRICOLAE Paolo Russo, membro della Commissione Agricoltura della Camera in merito alla presenatazione a Roma del Cise, la Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico (C.I.S.E.). Costituita dal Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale della provincia di Napoli (ASI), dal Consorzio per lo Sviluppo Industriale del Sud Pontino (COSIND), dal Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Caserta (ASI), affiancati dall’Eurispes e dall’Universitas Mercatorum. il cui obiettivo è quello di ricercare e attuare azioni che siano finalizzate a programmi di investimento per la creazione di imprese e cooperazione tra gli associati per l’ottimizzazione dei servizi all’interno degli agglomerati industriali, nei porti, negli scali marittimi, negli interporti, nei centri e scali merci tenendo sempre presenti, come elementi principali nelle diverse azioni, le buone pratiche di security e di tutela dell’ambiente. "Il Cise si candida a colmare questo vuoto e quindi svolge una funzione di traino straordinariamente positiva anche per la filiera agricola", prosegue Russo. "La filiera agricola costituisce un tassello importante nello sviluppo del Mezzogiorno, basti pensare a tutto il Made in Italy del Sud. Favorre il sistema della logistica - prosegue il deputato di Forza Italia - significa contribuire in chiave democratica a rendere pari sul piano della veicolazione e della logistica i prodotti che sono realizzati nel Mezzogiorno. La vera rivoluzione agricola - conclude - non è solo la produzione di eccellenza, ma fare in modo che quelle eccellenze in condizioni di salubrita e celerita raggiungano Singapore, Sidney e New York".