Accedi

Usa-Russia

Usa-Russia, Lavrov: Ancora disponibili a normalizzare le relazioni. Ma solo su principio di uguaglianza

Il ministro degli Esteri della Federazione: Le misure adottate non sono "occhio per occhio", ma passo forzato che adatta alla pratica internazionale
Mosca, 28 Jul 2017 16:28:00
fonte: ilVelino/AGV NEWS/Sputnik
Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha comunicato al segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, che Mosca è ancora pronta a normalizzare le relazioni bilaterali con Washington. Lo rende noto un comunicato del dicastero della Federazione. "Sergey Lavrov ha riaffermato che il nostro paese è ancora pronto a normalizzare le relazioni bilaterali con gli Stati Uniti e a cooperare sulle questioni più importanti dell'agenda internazionale - si legge nel testo -. Ma ciò potrebbe essere possibile solo sulla base dell'uguaglianza, del rispetto reciproco e di un equilibrio di interessi". Secondo la nota, Lavrov ha osservato che le "misure limitate e assolutamente adeguate" di Mosca rispetto alla proprietà diplomatica statunitense in Russia "non sono una risposta sulla base di un 'occhio per occhio'; ma un passo forzato che si adatta perfettamente alla pratica internazionale e mira a proteggere i legittimi interessi della Federazione".

Foreign Minister Sergey Lavrov told Secretary of State Rex Tillerson in a phone call on Friday that Moscow was still ready to normalize bilateral relations with Washington, the Russian Foreign Ministry said. "Sergey Lavrov reaffirmed that our country is still ready to normalize bilateral relations with the US and cooperate on the most important issues on the international agenda, but this could be possible only on the basis of equality, mutual respect and a balance of interests," the ministry said in a statement. According to the statement, the Russian minister noted that Moscow's "limited and absolutely adequate measures" with respect to US diplomatic property in Russia "is not a response on the basis of an 'eye for an eye principle', but a forced step that fits perfectly into international practice and is aimed at protecting legitimate Russian interests."