Accedi

Esteri

Ruanda, Papa Francesco chiede perdono per le colpe della Chiesa durante il genocidio

Il Pontefice ha incontrato il presidente del Paese africano, Paul Kagame
Mosca, 20 Mar 2017 13:34:00
fonte: ilVelino/AGV NEWS/Sputnik
Papa Francesco ha espresso la sua solidarietà alle vittime del genocidio in Ruanda e ha chiesto “perdono per le colpe e per le mancanze della Chiesa e dei suoi membri” durante il suo incontro con il presidente del Ruanda, Paul Kagame. È quanto si legge in una dichiarazione diffusa dalla Sala Stampa della Santa Sede. “Il Papa ha ammesso la sua profonda tristezza, e quella della Santa Sede e della Chiesa, per il genocidio contro i tutsi. Ha espresso la sua solidarietà alle vittime e a coloro che continuano a subire le conseguenze di quei tragici eventi. Evocando il gesto di Papa San Giovanni Paolo II durante il Grande Giubileo dell'Anno 2000, ha implorato di nuovo il perdono di Dio per i peccati e per le mancanze della Chiesa e dei suoi membri, tra i quali i sacerdoti, e degli uomini e delle donne che hanno ceduto all'odio e alla violenza, tradendo la propria missione evangelica” si legge nella dichiarazione. Papa Francesco ha anche manifestato la speranza di ripristinare la fiducia reciproca e la pace nel Paese. Durante l'incontro, il Pontefice e Kagame hanno avuto uno scambio di opinioni sulla situazione politica e sociale del Ruanda, e hanno discusso dei problemi regionali, in particolare dei conflitti, delle calamità naturali e del crescente numero di migranti e di rifugiati che hanno bisogno di assistenza.

Pope Francis expressed his solidarity with the victims of genocide in Rwanda and begged God's "forgiveness for the sins and failings of the Church and its members" succumbed to violence during his meeting with Rwanda President Paul Kagame, the Holy See Press Office said in a statement Monday. "The Pope conveyed his profound sadness, and that of the Holy See and of the Church, for the genocide against the Tutsi. He expressed his solidarity with the victims and with those who continue to suffer the consequences of those tragic events and, evoking the gesture of Pope St John Paul II during the Great Jubilee of the Year 2000, he implored anew God’s forgiveness for the sins and failings of the Church and its members, among whom priests, and religious men and women who succumbed to hatred and violence, betraying their own evangelical mission," the statement read. The Pope also expressed hope for restoring mutual trust and peace in the country. During the meeting, Pope Francis and Kagame exchanged views about political and social situation in the country, discussed regional problems, in particular conflicts, natural calamities and increasing number of migrants and refugees in high need of assistance. The Rwandan genocide was a mass slaughter of the Central African country's Tutsi minority by Hutu extremists in April-July 1994, which resulted in 500,000 to one million deaths, according to various estimates.