Accedi

Cronaca

Campania, razzismo in campo. Arcigay Napoli esprime solidarietà all’Afro-Napoli United

"Lo sport deve essere visto come uno strumento di inclusione. No a violenza e odio"
Napoli, 24 Mar 2016 08:30:00
fonte: ilVelino/AGV NEWS
E’ accaduto lunedì scorso a Chiaiano durante una partita del campionato amatoriale che vedeva contrapporsi la Real FAC di Marano e l’Afro-Napoli United, una squadra dilettantistica che promuove l’aggregazione e l’integrazione tra culture differenti: uno dei giocatori dell’Afro-Napoli ha denunciato all’arbitro insulti razzisti da parte degli avversari mentre altri due giocatori sono stati aggrediti fisicamente costringendo l’arbitro a sospendere l’incontro. Arcigay Napoli esprime vicinanza e solidarietà ai ragazzi della squadra sempre vicina alle battaglie contro tutte le forme di discriminazione nel mondo dello sport. “Lo sport deve essere visto come uno strumento di inclusione – dichiara Fabio Caruso, Responsabile sport Arcigay Napoli – e trovo sconcertante che proprio dallo sport arrivi tanta violenza e odio. Io stesso da ragazzo transessuale FtM (female to male) sono discriminato, in ambito sportivo, in diverse occasioni. Lo sport deve essere per tutte e per tutti, spero che intervengano i vertici federali, ma la presenza di Tavecchio, ancora al vertice della FIGC, non ci rassicura. Occorrono politiche serie e concrete di contrasto all'odio, al razzismo e alle discriminazioni nel mondo dello sport. Non bastano le sanzioni, ma serve fare formazione e informazione corretta”. “Spesso presente alle nostre iniziative – aggiunge Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli – come le giornate di “I have a dream” organizzate con le scuole, contro ogni forma di razzismo (in occasione nella settimana d’azione contro il razzismo voluta dall’UNAR), insieme ai ragazzi dell’Afro-Napoli United abbiamo, in passato, giocato anche dei tornei di calcio a 5 organizzati da Arcigay Napoli con il sostegno del Comune di Napoli che hanno visto la partecipazione di diverse realtà sportive dilettantistiche della città come i Pochos Napoli”.