Accedi

Giochi

Giochi, Parma: al via bando comunale per gestione Cittadella dei Ragazzi, vietate slot machine

Il valore totale della concessione è di 2,8 milioni di euro. La durata del contratto è fissata in otto anni
Roma, 08 Aug 2017 13:22:00
fonte: ilVelino/AGV NEWS
Il Comune di Parma ha pubblicato il bando di gara per la gestione della Cittadella dei Ragazzi all’interno dell’ex ostello nel parco Cittadella. Il progetto di riqualificazione dell'immobile ha riguardato il pianterreno e parte del primo piano dell'edificio: in tutto 700 metri quadrati. L’attività, secondo le linee guida dell’Amministrazione, dovrà essere family friendly, dunque sarà vietata la vendita di tabacchi e superalcolici e non potranno essere presenti slot machine. Il Comune stanzierà 440mila euro come corrispettivo totale che sarà versato all'affidatario per il servizio pubblico svolto in riferimento alle attività principali per bambini e genitori e per i laboratori. Il valore totale della concessione è di 2,8 milioni di euro. La durata del contratto è fissata in otto anni. Le offerte vanno consegnate entro il 15 settembre.

Il Comune ha stabilito nel disciplinare di gara che le proposte potranno essere presentate da soggetti con un fatturato globale d’impresa annuo non inferiore ai 300mila euro, riferito a ciascuno degli esercizi finanziari approvati negli ultimi tre anni. Oppure, in alternativa, soggetti in grado di dimostrare "mediante qualsiasi altro documento considerato idoneo dall’Amministrazione, la propria capacità economica e finanziaria". Bando aperto anche a imprenditori individuali o raggruppamenti temporanei d'impresa non ancora costituiti che abbiano gestito servizi analoghi nell'ultimo triennio.

All’interno dei locali sorgerà una zona laboratori ad accesso gratuito, destinato alle attività post scolastiche, nella fascia oraria 16-19 "caratterizzata da occasioni strutturate per bambini e genitori dedicate al gioco e all'apprendimento con laboratori ludico-ricreativi per famiglie gestiti da operatori qualificati". La Giunta ha previsto per il triennio 2017-2019 una spesa di 170mila euro già prenotata a bilancio da versare al concessionario. Per l’arco 2020-2022 i fondi ammonteranno a poco più di 156mila euro, mentre dal 2023 al 2025 a circa 113mila euro. Cifre che saranno previste nei successivi documenti economici. Il gestore dovrà corrispondere a Parma Infrastrutture - attuale concessionario dell’immobile - un canone d’affitto pari a 26.400 euro annui.