Accedi

Jobs act

Jobs act, Camusso: Da oggi siamo in campagna elettorale

"Chiederemo al governo tutti i giorni quando si voterà". La Cgil valuta l'ipotesi di un ricorso alla Corte ue
Roma, 11 Jan 2017 15:11:00
fonte: ilVelino/AGV NEWS
"Da oggi siamo in campagna elettorale e da oggi chiederemo al governo tutti i giorni quando si voterà". Lo ha detto il segretatiro generale della Cgil durante la conferenza stampa convocata nella sede di Corso Italia a Roma in seguito alla decisione della Corte costituzionale di bocciare il referendum sull'articolo 18 e di accogliere i quesiti sui voucher e sugli appalti. "Abbiamo notato in questi giorni che c'e stato un dibatti intenso nel paese sui quesiti. A nostra memoria non ricordiamo un'attenzione analoga", ha detto Camusso che ha criticato la decisione del governo di intervenire con l'avvocatura: "Non era dovuto", ha detto la segretaria generale della Cgil.

"Noi siamo convinti che la liberta delle lavoratrici e dei lavoratori passa attraverso la loro sicurezza". Sul quesito relativo all'articolo 18 Camusso non nasconde la possibilità di ricorrere alla Corte europea. "Valuteremo le motivazioni della corte", ha spiegato rivelando che a breve partiranno una serie di incontri in parlamento con alcune forze politiche - M5s, Sinistra Italiana e Centro democratico - per cercare di promuovere e sostenere alcune proposte di legge sui temi del lavoro. "Il giudizio della Corte costituzionale non ferma la nostra battaglia sull'insieme dei diritti dei lavoratori. Da parte la oggi la campagna elettorale per i due quesiti accolti dalla Consulta. Pensiamo sarò una campagna elettorale impegnativa". "Crediamo che ridare diritti al lavoro - ha spiegato Camusso - sia il modo di cambiare il paese e di avere tutt'altra Italia".

Sul tema dei voucher Camusso ha ricordato che sono uno strumento che riguarda "milioni di lavoratori nel nostro paese. Non stiamo parlando di fenomeni marginali". Come, parlando del secondo quesito accolto dalla Consulta, quello sugli appalti, ha ricordato che nei dibattiti spesso non compariva: " Parliamo di milioni di persone che lavorano nel mondo degli appalti e sub appalti. Un mondo che più facilmente è inquinabile".