Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Consiglio dei ministri fiume, il nodo della Riforma della Giustizia resta

Ecco i provvedimenti approvati.
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di onp

Consiglio dei ministri fiume (compresa interruzione), e che vede la maggioranza sostanzialmente divisa. Al limitare della mezzanotte termina. Lega e M5S non hanno trovato l’intesa sulla Riforma della Giustizia. Il nodo resta il processo penale. Trovato, invece, un accordo di massima su giustizia civile e riforma del Csm. Alla fine, però, il via libera al provvedimento è “salvo intese”, non definitivo. Fuori da Palazzo Chigi continua il braccio di ferro: la Lega sostiene che la riforma è “di facciata”, per il M5s Matteo Salvini vorrebbe bloccare l’abolizione della prescrizione che entrerà in vigore a gennaio del 2020.

Di seguito i provvedimenti approvati.

RIFORMA DELLA GIUSTIZIA – Deleghe al Governo per l’efficienza del processo civile e del processo penale, per la riforma complessiva dell’ordinamento giudiziario e della disciplina su eleggibilità e ricollocamento in ruolo dei magistrati nonché disposizioni sulla costituzione e il funzionamento del Consiglio superiore della magistratura e sulla flessibilità dell’organico di magistratura (disegno di legge). Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della giustizia Alfonso Bonafede, ha approvato, salvo intese, un disegno di legge che introduce deleghe al Governo per l’efficienza del processo civile e del processo penale, per la riforma complessiva dell’ordinamento giudiziario e della disciplina su eleggibilità e ricollocamento in ruolo dei magistrati nonché disposizioni sulla costituzione e il funzionamento del Consiglio superiore della magistratura e sulla flessibilità dell’organico di magistratura. L’obiettivo complessivo dell’intervento normativo è quello di attuare una riforma del “Sistema Giustizia” rendendolo più rapido, efficiente ed efficace anche e soprattutto attraverso il contenimento della durata dei processi, con l’obiettivo di giungere, a regime, alla conclusione degli stessi entro termini congrui e definiti.

GAS FLUORURATI A EFFETTO SERRA – Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al Regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra che abroga il Regolamento (CE) n. 842/2006 (decreto legislativo – esame preliminare). Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per gli affari europei Lorenzo Fontana e del Ministro della giustizia Alfonso Bonafede, ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che introduce una nuova disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al Regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra che abroga il Regolamento (CE) n. 842/2006. Il testo, che va a complemento del decreto del Presidente della Repubblica 16 novembre 2018, n. 146, di attuazione del citato Regolamento, prevede, tra l’altro, sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione degli obblighi in materia di prevenzione delle emissioni e di sistemi di rilevamento delle perdite, nonché, in alcuni casi, pene detentive per la violazione degli obblighi ivi previsti.

INCLUSIONE SCOLASTICA – Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66, recante norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107 (decreto legislativo – esame definitivo). Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca Marco Bussetti, ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo che, a norma dell’articolo 1, comma 184, della legge 13 luglio 2015, n. 107, introduce disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66, recante “Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità”. Il decreto mira, in particolare, ad assicurare una maggiore partecipazione dei portatori di interessi nelle decisioni concernenti le misure educative a favore degli alunni con disabilità e a garantire un significativo supporto alle istituzioni scolastiche nella realizzazione di adeguati processi di inclusione, anche attraverso la previsione di opportune misure di accompagnamento delle istituzioni scolastiche in relazione alle modalità di inclusione degli alunni con disabilità. Il testo tiene conto dei pareri espressi dalla Conferenza unificata e dalle Commissioni parlamentari competenti.

PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO AFAM – Regolamento recante le procedure e le modalità per la programmazione e il reclutamento del personale docente e del personale amministrativo e tecnico del comparto AFAM (decreto del Presidente della Repubblica – esame definitivo). Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca Marco Bussetti, ha approvato, in esame definitivo, un regolamento, da adottarsi con decreto del Presidente della Repubblica, che disciplina le procedure e le modalità per la programmazione e il reclutamento del personale docente e del personale amministrativo e tecnico del comparto AFAM. Le nuove disposizioni sono dirette a valorizzare l’autonomia didattica e organizzativa delle singole Istituzioni AFAM in ossequio ai principi di efficacia, efficienza, economicità e celerità dell’azione amministrativa. A tal fine, si prevede la programmazione triennale del fabbisogno di personale docente e tecnico-amministrativo, con la possibilità per le singole istituzioni di apportare ogni anno modifiche e aggiornamenti. Il testo tiene conto delle disposizioni in materia previste dalla legge di bilancio per il 2018, nonché dei pareri espressi dalla Sezione consultiva per gli atti normativi del Consiglio di Stato e dalle competenti Commissioni parlamentari.

SERVIZIO CIVILE – Disposizioni per garantire sostegno al servizio civile universale (disegno di legge). Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha approvato un disegno di legge che introduce disposizioni per garantire sostegno al servizio civile universale. Al fine di garantire il sostegno statale e di assicurare la continuità del contingente complessivo di operatori volontari da avviare al servizio civile, il testo prevede un incremento di 70 milioni di euro, per l’anno 2019, del Fondo nazionale per il servizio civile.

APPARECCHI CHE BRUCIANO CARBURANTI GASSOSI – Attuazione della delega di cui all’articolo 7, commi 4 e 5, della legge 25 ottobre 2017, n. 163, per l’adeguamento della normativa regolamentare nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) n. 2016/426 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sugli apparecchi che bruciano carburanti gassosi e che abroga la direttiva 2009/142/CE (decreto del Presidente della Repubblica). Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, del Ministro per gli affari europei Lorenzo Fontana, del Ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio e del Ministro dell’interno Matteo Salvini, ha approvato un regolamento, da adottarsi con decreto del Presidente della Repubblica, che dà attuazione della delega di cui all’articolo 7, commi 4 e 5, della legge 25 ottobre 2017, n. 163, per l’adeguamento della normativa regolamentare nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) n. 2016/426 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sugli apparecchi che bruciano carburanti gassosi e che abroga la direttiva 2009/142/CE. Il regolamento mira a semplificare e chiarire il quadro esistente per l’immissione sul mercato degli apparecchi che bruciano carburanti gassosi, nonché a migliorare la trasparenza, l’efficacia e l’armonizzazione delle misure esistenti tenendo, altresì, conto del nuovo quadro normativo generale adottato per l’armonizzazione europea delle disposizioni in materia di libera circolazione dei prodotti non alimentari. Il regolamento conferma, tra l’altro, l’obbligo per fabbricanti, importatori e distributori di usare la lingua italiana relativamente a dati di recapito, istruzione, informazioni, etichettature e documentazione.

PROVVEDIMENTI DI PROTEZIONE CIVILE – Il Consiglio dei ministri ha deliberato la proroga dello stato di emergenza in conseguenza degli eventi che si sono verificati il 14 agosto 2018 nel territorio del Comune di Genova a causa del crollo di un tratto del viadotto Polcevera, noto come ponte Morandi, sulla A10.

SCIOGLIMENTO DI CONSIGLI COMUNALI – Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Matteo Salvini, tenuto conto che, all’esito di approfonditi accertamenti, sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono il buon andamento dell’azione amministrativa, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Sinopoli (Reggio Calabria), affidandone la gestione a una Commissione straordinaria per un periodo di diciotto mesi. Inoltre, a norma dello stesso articolo, in considerazione della necessità di completare l’azione di ripristino dei principi di legalità all’interno delle amministrazioni comunali, il Consiglio dei ministri ha deliberato la proroga per sei mesi dello scioglimento dei Consigli comunali di Mattinata (Foggia), Scilla (Reggio Calabria), Strongoli (Crotone) Bompensiere (Caltanissetta), Caivano (Napoli), Calvizzano (Napoli), Briatico (Vibo Valentia) e San Gregorio d’Ippona (Vibo Valentia).

DELIBERAZIONI AMMINISTRATIVE – Il Consiglio dei ministri, ai sensi dell’articolo 14-quater della legge 7 agosto 1990, n. 241, udito l’assessore Antonio Bartolini in rappresentanza della Regione Umbria, ha deliberato di superare la mancata intesa della Regione e, conseguentemente, di consentire la prosecuzione del procedimento di realizzazione dell’impianto pilota denominato “Castel Giorgio” per ricerca di risorse geotermiche sito nel Comune di Castel Giorgio (TR), proposto da ITW LKW Geotermia Italia S.p.a.

APPROVAZIONE DI STATUTI E RICONOSCIMENTI DI PERSONALITÀ GIURIDICA – Il Consiglio dei ministri, sentito il Consiglio di Stato, ha deliberato: il riconoscimento della personalità giuridica e l’approvazione dello statuto della “Congregazione italiana per la coscienza di Krishna”, con sede in Roma; il riconoscimento della personalità giuridica e l’approvazione dello statuto dell’associazione religiosa denominata “Unione cristiana pentecostale” (U.C.P.), con sede in Palermo; l’approvazione del nuovo statuto della “Fondazione dell’Assemblea spirituale nazionale dei Bahà’ì d’Italia”, con sede in Roma e la modifica della denominazione in “Assemblea spirituale nazionale dei bahà’ì d’Italia”; il riconoscimento della personalità giuridica e l’approvazione dello statuto dell’associazione “Ananda Marga Pracaraka Samgha”, con sede in Sant’Ambrogio di Valpolicella (Verona).

BAGNOLI-COROGLIO – Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Matteo Salvini, ha deliberato favorevolmente alla proposta di Stralcio urbanistico del programma di risanamento ambientale e di rigenerazione urbana dell’area di rilevante interesse nazionale Bagnoli-Coroglio presentata dal Commissario straordinario di Governo. La proposta verrà pertanto presentata al Presidente della Repubblica, per l’adozione del relativo decreto.

NOMINE – Il Consiglio dei ministri ha deliberato: su proposta del Presidente Giuseppe Conte, il conferimento dell’incarico di Avvocato generale dello Stato a Gabriella PALMIERI SANDULLI; su proposta del Presidente Giuseppe Conte, l’avvio della procedura per la conferma del dott. Franco GALLO a Presidente dell’Istituto dell’Enciclopedia italiana – Treccani; su proposta del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio, l’avvio della procedura per la conferma del dott. Paolo CARRÀ a Presidente dell’Ente nazionale risi.

INFORMATIVE – Il Consiglio dei ministri ha preso atto e condiviso le informative svolte dal Sottosegretario alla Presidenza Giancarlo Giorgetti in merito all’intenzione espressa dalla Città di Taranto di candidarsi a ospitare i Giochi del Mediterraneo 2025, nonché della volontà manifestata dalla Federazione Italiana Nuoto di presentare alla Federazione Europea di Nuoto la propria candidatura ad ospitare a Roma i Campionati europei del 2022.

GIUDIZI DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE – Il Consiglio dei ministri ha deliberato la determinazione di intervento nel giudizio di legittimità costituzionale promosso dalla Regione Calabria avverso taluni articoli del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 35, recante misure emergenziali per il servizio sanitario della Regione Calabria e altre misure urgenti in materia sanitaria, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 2019, n. 60.

LEGGI REGIONALI – Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per gli affari regionali e le autonomie Erika Stefani, ha esaminato cinquantasei leggi delle Regioni e delle Province Autonome e ha deliberato:
– di impugnare:
la legge della Regione Calabria n. 16 del 31/05/2019, recante “Interpretazione autentica dell’articolo 1 della legge regionale 27 aprile 2015, n. 11”, in quanto una norma riguardante il contenimento della spesa pubblica viola il principio di copertura finanziaria di cui all’art. 81, della Costituzione, ponendosi altresì in contrasto con i principi fondamentali della legislazione statale in materia di coordinamento della finanza pubblica in violazione dell’art. 117, terzo comma, della Costituzione;
la legge della Regione Sicilia n. 8 del 07/06/2019, recante “Norme per lo sviluppo del turismo nautico. Disciplina dei marina resort. Norme in materia di elezioni degli organi degli enti di area vasta”, in quanto alcune disposizioni riguardanti le concessioni demaniali marittime a scopo turistico-ricreativo eccedono dalle competenze attribuite alla Regione Siciliana dallo Statuto di autonomia, e violano la competenza esclusiva statale in materia di tutela della concorrenza di cui all’articolo 117, secondo comma, lettera e), della Costituzione;
la legge della Regione Abruzzo n. 7 del 10/06/2019, recante “Integrazioni e modifiche alle leggi regionali 11 agosto 2009, n. 13 (Modifiche ed integrazioni alla L.R. 71/2001 (Rifinanziamento della L.R. n. 93/1994 concernente: Disposizioni per il recupero e la valorizzazione dei trabucchi della costa abruzzese) e norme relative al recupero, alla salvaguardia e alla valorizzazione dei trabocchi da molo, anche detti “caliscendi” o “bilancini”, della costa abruzzese) e 19 dicembre 2001, n. 71 (Rifinanziamento della L.R. n. 93/1994 concernente: Disposizioni per il recupero e la valorizzazione dei trabucchi della costa teatina)”, in quanto alcune norme riguardanti i trabucchi si pongono in contrasto con la disciplina di tutela dettata dal codice dei Beni culturali e del paesaggio, in violazione dell’art. 117, secondo comma, lett. s), della Costituzione;
la legge della Regione Toscana n. 38 del 28/06/2019, recante “Disposizioni urgenti per il rafforzamento dei servizi e delle misure di politica attiva del lavoro per la sostituzione di personale collocato in quiescenza, del direttore generale e dei direttori. Modifiche alla l.r. 1/2009”, in quanto alcune norme riguardanti le procedure concorsuali pubbliche regionali violano il principio di buon andamento della pubblica amministrazione di cui agli articoli 3, 51, primo comma, e 97, della Costituzione, e invadono la competenza riservata alla legislazione statale nelle materie del diritto civile, della determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni e dei principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica, in violazione dell’art. 117, secondo comma, lettere l) e m), e terzo comma, della Costituzione;

– di non impugnare:
la legge la legge della Regione Calabria n. 13 del 31/05/2019, recante “Rideterminazione della misura degli assegni vitalizi diretti, indiretti e di reversibilità e adeguamento al d.l. n. 174/2012”;
la legge della Regione Liguria n. 11 del 29/05/2019, recante “Riconoscimento di legittimità di debito fuori bilancio derivante dall’ acquisizione di servizi in assenza del preventivo impegno di spesa per l’attività di componente del ministero dello sviluppo economico (MISE) della Commissione di Verifica articolo 12, decreto direttoriale MISE 24/2/16”;
la legge della Regione Liguria n. 12 del 29/05/2019, recante “Norme attuative dell’ Intesa sancita in data 3 aprile 2019 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano (Rep. n. 56/CSR) e ulteriori disposizioni di adeguamento al decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174 in esecuzione del documento di indirizzo della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni e delle Province autonome n. 01 del 17 aprile 2019”;
la legge della Regione Lombardia n. 10 del 06/06/201, recante “Rideterminazione degli assegni vitalizi in attuazione di quanto disposto dall’articolo 1, commi 965 e 966 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 recante «Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021» e dell’Intesa sancita in data 3 aprile 2019 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano”;
la legge della Regione Puglia n. 20 del 07/06/2019, recante “Attuazione dell’intesa, ai sensi dell’articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome in materia di contenimento della spesa pubblica attraverso la sostanziale riduzione dei costi legati al funzionamento delle Istituzioni in attuazione di quanto disposto dall’articolo 1, commi 965 e 966, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021)”;
la legge della Provincia Trento n. 2 dell’11/06/2019, recante “Misure di semplificazione e potenziamento della competitività”;
la legge Statutaria della Provincia di Trento, recante “Modificazioni della legge sui referendum provinciali 2003”,
la legge Statutaria della Provincia di Trento, recante “Modificazione dell’articolo 4 della legge sui referendum provinciali 2003”;
la legge della Regione Valle Aosta n. 6 del 28/05/2019, recante “Rideterminazione, ai sensi dei commi 965, 966 e 967 dell’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019/2021),degli assegni vitalizi di cui alla legge regionale 21 agosto 1995, n. 33 (Norme sulle indennità spettanti ai membri del Consiglio e della Giunta e sulla previdenza dei consiglieri regionali);
la legge della Regione Veneto n. 20 del 06/06/2019, recante “Modifiche della legge regionale 14 giugno 2013, n. 11 “Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto” e successive modificazioni”;
la legge della Regione Veneto n. 21 del 06/06/2019, recante “Iniziative a sostegno della candidatura UNESCO delle colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”;
la legge della Regione Friuli Venezia Giulia n. 8 del 07/06/2019, recante “Rideterminazione della misura degli assegni vitalizi previsti e disciplinati dalle leggi regionali 13 settembre 1995, n. 38 e 12 agosto 2003, n. 13”;
la legge della Regione Toscana n. 28 del 04/06/2019, recante “Forme di collaborazione interistituzionale in tema di sicurezza del lavoro, ambiente, salute e cultura della legalità”;
la legge della Regione Toscana n. 29 del 04/06/2019, recante “Le case della salute. Modifiche alla l.r. 40/2005”;
la legge della Regione Toscana n. 31 del 14/06/2019, recante “Proroga del termine massimo di durata del Commissario del Consorzio per la Zona industriale apuana. Modifiche all’articolo 32 quater della l.r. 82/2015”;
la legge della Regione Emilia Romagna n. 7 del 17/06/2019, recante “Investimenti della Regione Emilia-Romagna in materia di big data e intelligenza artificiale, meteorologia e cambiamento climatico”;
la legge della Regione Puglia n. 21 del 17/06/2019, recante “Modifiche e integrazioni alla legge regionale 13 dicembre 2013, n. 43 (Contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (GAP))”;
la legge della Regione Toscana n. 32 del 14/06/2019, recante “Disposizioni in materia di cabina di regia, locazioni turistiche e corsi ed esami per guida turistica. Modifiche alla l.r. 86/2016”;
la legge della Regione Toscana n. 33 del 14/06/2019, recante “Disposizioni transitorie per la gestione in concessione del canale Battagli. Abrogazione dell’articolo 16 della l.r. 37/2018”;
la legge della Regione Marche n. 15 del 13/06/2019, recante “Modifiche di disposizioni in materia sanitaria e socio sanitaria”;
la legge della Regione Marche n. 16 del 13/06/2019, recante “Modifiche alla legge regionale 3 aprile 2013, n. 5 “Norme in materia di raccolta e coltivazione dei tartufi e di valorizzazione del patrimonio tartufigeno”;
la legge della Regione Calabria n. 20 del 21/06/2019, recante “Modifiche alla denominazione e alle competenze della commissione contro la ‘ndrangheta di cui alla l.r. 50/2002”;
la legge della Regione Calabria n. 21 del 21/06/2019, recante “Interventi regionali per il sistema del cinema e dell’audiovisivo in Calabria”;
la legge della Regione Calabria n. 23 del 21/06/2019, recante “Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio, ai sensi dell’articolo 73 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118”;
la legge della Regione Lombardia n. 11 del 18/06/2019, recante “Modifiche alla legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31 (Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale)”;
la legge della Regione Veneto n. 22 del 19/06/2019, recante “Prima variazione generale al bilancio di previsione 2019-2021 della Regione del Veneto”;
la legge della Regione Abruzzo n. 8 del 17/06/2019, recante “Norme a sostegno dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione della Regione Abruzzo”;
la legge della Regione Abruzzo n. 9 del 17/06/2019, recante “Disposizioni di adeguamento all’articolo 1, commi 965, 966, 967, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021). Introduzione dell’indennità a carattere differito in adempimento delle disposizioni di cui all’articolo 2, comma 1, lett. m) del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174 (Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate nel maggio 2012), convertito con modificazioni dalla legge 7 dicembre 2012, n. 213”;
la legge della Regione Abruzzo n. 10 del 17/06/2019, recante “Programma di rafforzamento delle competenze negli Uffici giudiziari. Protocollo d’Intesa Regione Abruzzo/Procura Generale della Repubblica/Corte d’Appello di L’Aquila, sottoscritto in data 10 marzo 2017”;
la legge della Regione Calabria n. 24 del 25/06/2019, recante “Modifiche all’articolo 16 della legge regionale 26 aprile 2018, n. 9 (interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della ‘ndrangheta e per la promozione della legalità, dell’economia responsabile e della trasparenza)”;
la legge della Regione Calabria n. 25 del 25/06/2019, recante “Modifiche all’articolo 4 della l.r. 8/2019”;
la legge della Regione Calabria n. 26 del 25/06/2019, recante “Modifiche alla l.r. 14/1984 (provvidenze in favore dei mutilati ed invalidi civili e del lavoro)”;
la legge della Regione Calabria n. 27 del 25/06/2019, recante “Modifica all’articolo 2 della legge regionale n. 17/2019 (interventi per l’assistenza a favore dei ciechi pluriminorati)”;
la legge della Regione Calabria n. 28 del 25/06/2019, recante “Autorizzazione all’anticipazione di liquidità ai sensi dell’articolo 1, commi da 849 a 857 della legge 30 dicembre 2018, n. 145”;
la legge della Regione Calabria n. 29 del 25/06/2019, recante “Storicizzazione risorse del precariato storico”;
la legge della Regione Liguria n. 13 del 18/06/2019, recante “Modifiche all’articolo 38 della legge regionale 27 dicembre 2018, n. 29 (Disposizioni collegate alla legge di stabilità per l’anno 2019)”;
la legge della Regione Toscana n. 34 del 18/06/2019, recante “Politiche per la montagna e interventi per la valorizzazione dei territori montani. Modifiche alla l.r. 68/2011”;
la legge della Regione Toscana n. 36 del 20/06/2019, recante “Norme in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP), siti nella frazione di Cardoso del Comune di Stazzema, a favore degli assegnatari conduttori di cui alla l.r. 46/1996”;
la legge della Regione Lazio n. 10 del 26/06/2019, recante “Promozione dell’amministrazione condivisa dei beni comuni”;
la legge della Regione Sardegna n. 8 del 21/06/2019, recante “Modifiche all’articolo 1 della legge regionale n. 26 del 2017 (Proroga di termini)”;
la legge della Provinciale Trento n. 3 del 25/06/2019, recante “Modificazioni dell’articolo 4 della legge provinciale 6 febbraio 1991, n. 4 (Interventi volti ad agevolare la formazione di medici specialisti e di personale infermieristico)”;
la legge della Regione Abruzzo n. 11 del 24/06/2019, recante “Semplificazione del sistema normativo regionale mediante abrogazione di leggi regionali”;
la legge della Regione Abruzzo n. 13 del 28/06/2019, recante “Contributo straordinario al Centro di Ricerca Unico d’Abruzzo (CRUA)”;
la legge della Regione Abruzzo n. 14 del 28/06/2019, recante “Disposizioni urgenti in materia di demanio idrico e antincendio boschivo e modifica all’art. 5 della l.r. 4/2009”;
la legge della Regione Sicilia n. 9 del 20/06/2019, recante “Norme per la salvaguardia della cultura e delle identità marine e per la promozione dell’economia del mare. Disciplina della pesca mediterranea in Sicilia”;
la legge della Regione Sicilia n. 10 del 20/06/2019, recante “Disposizioni in materia di diritto allo studio”;
la legge della Regione Sicilia n. 11 del 20/06/2019, recante “Cultura della pace in Sicilia”;
la legge della Regione Toscana n. 37 del 28/06/2019, recante “Misure per la riduzione dell’incidenza della plastica sull’ambiente”;
la legge della Regione Emilia Romagna n. 10 del 2/07/2019, recante “Adesione della regione Emilia-Romagna alla fondazione accademia nazionale dell’agricoltura”;
la legge della Regione Emilia Romagna n. 11, recante “Contributi ai Comuni e alle Unioni di Comuni per le spese di funzionamento degli uffici del giudice di pace.”;
la legge della Regione Veneto n. 24 del 28/06/2019, recante “Legge regionale di adeguamento ordinamentale 2018 in materia di tartuficoltura, usi civici, agricoltura, caccia, commercio e piccole e medie imprese”;
la legge della Regione Lombardia n. 12 del 01/07/2019, recante “Mutamento delle circoscrizioni comunali mediante rettifica dei confini tra i comuni di Corte de’ Frati e di Pozzaglio ed Uniti in provincia di Cremona”.

I PROSSIMI STEP AL TEST DELLA TENUTA DI GOVERNO – In Senato approderà la questione della Tav, mentre il 6 agosto si voterà il decreto Sicurezza bis.

Notizie correlate