Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Di Maio: “Stiamo scrivendo un’autonomia migliore”

“Indebolire il centro-sud significherebbe fare un danno a tutta l'Italia”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di onp

“Grazie all’Osservatorio per l’autonomia che abbiamo lanciato questa mattina alla Federico II di Napoli, stiamo scrivendo una nuova autonomia, un’autonomia migliore. Le risorse devono essere ripartite equamente in tutta Italia”, così in un post su Facebook il vicepremier e leader del M5s Luigi Di Maio. “Le università del Sud avranno un ruolo cruciale nel seguire tutto il percorso. E questo è fondamentale, perché credo che l’autonomia si debba fare, ma senza danneggiare altre regioni. Per arrivare a questo, le altre regioni devono essere messe nella condizione di cogliere un’occasione storica: quella di un’autonomia che ci permetta di garantire, insieme, i livelli essenziali di prestazione, il fondo di perequazione e un investimento straordinario sul Sud. Per come era stata progettata, questa autonomia andava a discapito non solo delle regioni del Sud, ma anche del centro. L’esempio è la scuola. Grazie al MoVimento 5 Stelle si è scongiurato il problema dei docenti su base regionale. Non avrebbe avuto senso che un bambino che si iscrive a scuola, se lo fa in una regione ha più docenti o docenti pagati di più, e, se si iscrive in un’altra regione, ha meno insegnanti o meno pagati. Non sceglie lui dove nascere, la sua scuola deve essere all’altezza in tutta Italia e soprattutto deve essere una e indivisibile. Ecco quale dovrà essere il ruolo dell’Osservatorio e del sistema accademico, guidarci e stare al nostro fianco durante il percorso che ci porterà all’autonomia. Perché l’autonomia sarà fatta, ma nessuno può permettersi di indebolire l’Italia: e indebolire il centro-sud significherebbe fare un danno a tutta l’Italia. Anche no”.

“Non capisco di quale nuovo testo sulle #autonomie parli il capo del M5S e mi chiedo dove fosse alle ultime riunioni quando ha avuto l’occasione di discutere l’idea di questo osservatorio di cui io sento parlare oggi per la prima volta. Dopo un anno di discussioni mi auguro che nessuno voglia rimangiarsi slealmente la parola e l’impegno di cui il presidente #Conte è garante”, ha scritto su Facebook Erika Stefani, ministro per gli Affari regionali e le autonomie e dirigente del Carroccio. “Sembra che qualcuno – ha aggiunto il ministro – abbia deciso di proteggere una certa cattiva politica deleteria per il Sud. Sarebbe interessante sentire qualche proposta di merito dai compagni di viaggio di governo che possa creare crescita al Paese da Nord a Sud. Ciò che fa bene all’Italia deve essere portato avanti che i Cinque stelle vogliano o meno assicurare finalmente a tutto il Paese un vero sviluppo”.

Notizie correlate