Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Mipaaft, Ingenito: “Portale agroalimentare coinvolga proposte ricettiva di aree interne e borghi”

L'appello del oordinatore nazionale extralberghiero al ministro Centinaio
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Cogliere l’opportunità del portale lanciato dal Ministro alle Politiche Agricole e Turismo Gian Marco Centinaio per valorizzare i territori anche mediante la proposta  ricettiva di aree interne e borghi, favorendo in tal modo ospitalità nei distretti agroalimentari del nostro Paese”. Così la nota del coordinatore nazionale extralberghiero Agostino Ingenito. “Sono migliaia ogni anno i foodies – ha spiegato – i viaggiatori che attraversano la nostra Italia per conoscere e degustare le nostre produzioni agroalimentari e enogastronomiche. Si tratta di un patrimonio eccezionale che va ulteriormente valorizzato”. “L’iniziativa ministeriale può sollecitare a promuovere raccordi e sinergie per le aree di interesse con un’offerta ricettiva extralberghiera e diffusa generando quell’eccezionale must del vivere all’italiana che tanti ospiti europei ed internazionali ci invidiano”.  “L’auspico – ha aggiunto Ingenito  – è che il Ministro Centinaio possa estendere le informazioni contenute nel portale, individuando una sinergia con noi operatori per realizzare in sinergia percorsi ed itinerari che consentano non solo la visita e degustazione nei territori di produzione dei 229 prodotti agroalimentari e 542 vini proposti nel sito ma anche l’esperienza di pernottare in borghi ed aree in cui ricadono le produzioni di eccellenza. Siamo già in grado di dare i primi elenchi di strutture e prevedere un’integrazione con schede dettagliate per alcune aree del Sud e del Centro Italia – ha concluso Ingenito –  auspichiamo che il Ministro possa cogliere questa proposta nello spirito di collaborazione e sinergia per rendere ancora più integrata l’offerta esperienzIle turistica italiana”.