Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

Giustizia Ue. a Helsinki il sottosegretario Morrone per vertice informale Ministri

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di red/ilp

Il miglioramento delle condizioni di detenzione e la riduzione del sovraffollamento carcerario sono stati al centro dei lavori della seconda sessione, che riguarda la “cooperazione giudiziaria in materia penale, essenziale nella lotta al terrorismo e altre gravi forme di criminalità transfrontaliera”.Il Governo italiano sta lavorando per dare efficace attuazione al principio della certezza della pena, ricorrendo alla detenzione per i reati più gravi e costruendo un sistema di pene alternative che non perdano l’aspetto sanzionatorio, ma che promuovano il reinserimento sociale del detenuto. Negli ultimi anni si è quindi assistito ad un aumento dei condannati sottoposti a misure alternative, che, al 31 maggio 2019, erano 59.740, rispetto ai 60.476 detenuti in carcere. La UE può svolgere un ruolo fondamentale sostenendo gli Stati membri nel contrasto al sovraffollamento carcerario, per esempio individuando parametri condivisi, e al potenziamento delle misure alternative.

Tema della terza sessione di lavoro: il futuro della cooperazione giudiziaria in materia civile e commerciale. Per l’Italia, è fondamentale puntare a una politica europea per rendere più fluida la cooperazione giudiziaria civile fra Stati membri e Paesi terzi anche in considerazione della carenza di strumenti adeguati di collaborazione con molti Paesi extra UE. Un’iniziativa unitaria europea potrebbe consentire agli Stati membri di avere maggior peso nel negoziato e di convenire su regole omogenee che potrebbero semplificare la soluzione delle controversie. Si concorda quindi sul fatto di considerare l’approccio multilaterale in materia di giustizia civile e commerciale come “modalità privilegiata” per migliorare l’influenza globale della UE in questo settore.

Alla due giorni dei ministri della Giustizia e degli Affari interni europei (GAI), in svolgimento a Helsinki, il dicastero della Giustizia italiano è rappresentato dal sottosegretario di Stato, on. Jacopo Morrone, che ha partecipato alle tre sessioni di lavoro sul tema del ‘futuro della giustizia’ nell’Unione europea, puntando l’attenzione su alcuni obiettivi prioritari, tra cui il rafforzamento dello stato di diritto, una maggiore cooperazione in materia penale e la promozione di un approccio multilaterale in materia di giustizia civile e commerciale.Per quanto riguarda il primo punto, Morrone ha ringraziato la presidenza finlandese del Consiglio della Unione europea per l’attenzione dedicata al rafforzamento dello stato di diritto, “condizione imprescindibile per una efficace cooperazione giudiziaria”, a cui possono offrire un contributo fondamentale i ministri della Giustizia, che “sono chiamati a garantire indipendenza e imparzialità dei giudici e l’efficace funzionamento del sistema giudiziario”.A questo proposito, la rappresentanza italiana ha condiviso la proposta di discussioni tematiche periodiche sullo stato di diritto tra i ministri della Giustizia nell’ambito del Consiglio GAI, promuovendo, in particolare, un confronto per garantire un’attuazione omogenea della giurisprudenza della Corte di Giustizia in modo da avvicinare i vari ordinamenti, garantendo ai cittadini europei “parità di tutela nei vari Stati membri”. Un focus particolare, inoltre, dovrebbe essere effettuato sui temi delle risorse per il sistema giudiziario, dell’autonomia dell’azione penale e della lotta alla corruzione. L’indice della democraticità di un sistema e del rispetto dei principi della ‘rule of law’ deve essere misurato, soprattutto, sulla capacità di un ordinamento di garantire un giudizio giusto, davanti a un giudice indipendente e nel rispetto del diritto alla difesa. L’obiettivo non può quindi che essere quello di un “miglioramento della cultura giudiziaria europea”, che “passa attraverso un’adeguata e costante formazione”, garantita in Italia dalla Scuola superiore della Magistratura, sviluppando azioni comuni europee per aumentare scambi fra addetti ai lavori per diffondere la conoscenza dei modelli organizzativi e delle prassi europee. Il sistema giudiziario italiano può costituire, per gli altri Stati membri, un modello interessante per diversi aspetti, fra cui la tutela dell’autonomia di giudici e PM, i recenti strumenti normativi adottati in materia di lotta alla corruzione, l’introduzione di meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie, le risorse elevate stanziate annualmente per il patrocinio dei non abbienti e le iniziative rivolte alla riorganizzazione del sistema penitenziario con iniziative finalizzate all’inclusione sociale dei detenuti.