Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cultura

Scuola, il Consiglio di Stato “salva” 2.900 nuovi presidi

Il ministro dell'Istruzione Bussetti: “Procederemo ora senza indugio con la pubblicazione della graduatoria e le assunzioni”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di onp

Il Consiglio di Stato ha sospeso l’efficacia della sentenza emanata dal Tar del Lazio che annullava le procedure di correzione degli scritti del concorso per Dirigenti Scolastici: la sentenza di merito è prevista il 17 ottobre. Marcello Pacifico (Udir) osserva: “Dal 1 settembre 2 mila nuovi Dirigenti Scolastici potranno prendere subito servizio e garantire il corretto avvio dell’anno scolastico. Altri 900 vincitori saranno assunti negli anni successivi”. La notizia giunge durante i lavori della Scuola estiva di Udir, dove 200 nuovi presidi affrontano il tema del 1° mese da dirigente scolastico. ####Per il momento, il Consiglio di Stato ha “salvato” i vincitori del concorso per Dirigenti Scolastici emanando un provvedimento d’urgenza volto a sospendere l’efficacia della sentenza Tar n. 8655/2019. L’Ufficio legale Galleano cui si è rivolta Udir, giovane sindacato dei dirigenti scolastici, tempestivamente costituitosi in giudizio per tutelare i diritti dei vincitori del Concorso bandito con DDG del 23 novembre 2017, ha ottenuto il risultato tanto atteso: la sospensione del provvedimento del Tribunale Amministrativo, in modo da far concludere le procedure concorsuali e le procedere alla nomina dei vincitori fin dal 1 settembre, in un momento tanto importante visto che una scuola su quattro sarebbe stata senza dirigente.

“L’azione legale a tutela di chi si è sottoposto alla procedura concorsuale e ha superato tutte le prove al momento è risultata vincente – commenta Marcello Pacifico, presidente Udir –. Dal 1 settembre i candidati che entreranno in ruolo potranno finalmente coprire quel fabbisogno di organico che da anni registriamo nella dirigenza della scuola pubblica con posti vacanti dati in reggenza. Annullare l’intera procedura non era la soluzione più consona e per ora il Consiglio di Stato ci ha dato ragione”.

La battaglia legale continua fino alla definizione del merito in udienza pubblica presso la sesta sezione del Consiglio di Stato. Per questa ragione, Udir rinnova l’appello a tutti i vincitori del concorso a costituirsi in giudizio con lo studio legale Galleano al fine di tutelare le proprie posizioni individuali.

“Bene la sospensiva del Consiglio di Stato. Procederemo ora senza indugio con la pubblicazione della graduatoria e le assunzioni. So quanto hanno studiato i vincitori. Ci sono passato: ho fatto anche io questo concorso anni fa. La scuola italiana non può aspettare, ha bisogno di nuovi dirigenti scolastici per guidare i nostri istituti e superare il fenomeno dannoso delle reggenze. Glieli daremo”, scrive su Facebook il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.

Notizie correlate