Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca

Sea Watch, Rackete chiede sequestro social del ministro dell’Interno

In 14 pagine la querela presentata dall’avvocato della comandante: si contano 22 presunte offese
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di onp

“Matteo Salvini mi ha definito pubblicamente e ripetutamente sbrufoncella, fuorilegge, complice dei trafficanti, potenziale assassina, delinquente, criminale, pirata, una che ha provato a uccidere dei finanzieri e ad ammazzare cinque militari italiani, che ha attentato alla vita di militari in servizio, che ha deliberatamente rischiato di uccidere cinque ragazzi e che occupa il suo tempo a infrangere le leggi italiane e fa politica sulla pelle dei disgraziati: la gravità della lesione al mio onore è in sé evidente”: è lunga quattordici pagine la querela presentata dall’avvocato della comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete, Alessandro Gamberini, in cui si contano 22 presunte offese che il ministro dell’Interno avrebbe rivolto alla sua assistita. La richiesta che balza all’occhio più di tutte è il sequestro dei profili Facebook e Twitter riconducibili al leader della Lega e di altri social “propalanti messaggi d’odio”. “Il deposito dell’esposto alla Procura di Roma contro il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, avverrà non prima di domani, siamo in attesa della firma in originale di Carola Rackete”, ha affermato l’avvocato sulla denuncia in cui si ipotizzano i reati di istigazione a delinquere e diffamazione nei confronti del numero uno del Viminale.

Il commento ironico di Salvini su Twitter: “La comunista tedesca, quella che ha speronato la motovedetta della Guardia di Finanza, ha chiesto alla Procura di chiudere le mie pagine Facebook e Twitter. Non c’è limite al ridicolo. Quindi posso usare solo Instagram???”.

Notizie correlate