Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

Il canale georgiano Rustavi 2 sospende l’anchorman tv anti-Putin Giorgi Gabunia

L’ad del canale, Nika Gvaramia, lo ha criticato per aver usato un linguaggio osceno, ma ha aggiunto che ha condiviso la sua posizione. Intanto in Russia c’è chi chiede la sua estradizione
fonte: AGV/SPUTNIK
di onp

Un anchorman televisivo georgiano è stato sospeso per due mesi lunedì per aver spergiurato contro il presidente russo Vladimir Putin suscitando una protesta rabbiosa a Mosca e Tbilisi.

Giorgi Gabunia ha parlato nello show “Post Scriptum” di domenica sera su Rustavi 2, il principale canale privato della Georgia, rivolgendosi a Putin in russo.

Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha definito “inaccettabile” l’esplosione di Gabunia e l’ha additata come un’altra manifestazione della russofobia.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha affermato di averlo visto semplicemente come “il problema della Georgia”.

Il Parlamento russo ha detto che avrebbe discusso le misure economiche contro la Georgia martedì per rispondere alle sue “azioni ostili”, compreso quello che il capo del comitato per gli affari esteri della camera bassa, Leonid Slutsky, ha definito “un rozzo incidente su Rustavi 2.”

L’oratore russo della camera bassa Vyacheslav Volodin ha suggerito di aprire un caso criminale contro il giornalista e chiedere la sua estradizione.

Il presidente georgiano Salome Zourabichvili e il primo ministro Mamuka Bakhtadze si sono affrettati a condannare Gabunia per aver spergiurato davanti la telecamera, con Bakhtadze che ha definito la farsa una provocazione contro la Georgia mettendone a rischio la sicurezza.

L’emittente Rustavi 2 ha dichiarato che il giornalista non è riuscito a mantenere alti i suoi standard elevati.

L’amministratore delegato del canale, Nika Gvaramia, ha criticato Gabunia per aver usato un linguaggio osceno, ma ha aggiunto che ha condiviso la sua posizione.

Centinaia di georgiani si sono radunati fuori dall’ufficio principale di Rustavi 2 a Tbilisi domenica notte per chiedere che il canale prenda posizione contro Gabunia.

Alcuni manifestanti hanno lanciato uova e bottiglie nell’edificio. L’andirivieni è continuato lunedì con ulteriori richieste di licenziare i dirigenti senior del canale.

I legami tra Russia e Georgia sono peggiorati dopo la guerra del 2008. Il mese scorso, massicce proteste sono scoppiate nella capitale della Georgia, Tbilisi, dopo che un legislatore russo si era rivolto al Parlamento nazionale dal seggio. Le divergenze hanno spinto la Russia a fermare il traffico aereo in Georgia per problemi di sicurezza.

Georgian Channel Suspends TV Anchor Over Anti-Putin Rant – A Georgian TV anchor was suspended for two months on Monday for swearing on air after his profanity-laced tirade against Russian President Vladimir Putin prompted an angry outcry in Moscow and Tbilisi.

Giorgi Gabunia made the profane attack in Sunday evening’s “Post Scriptum” show on Rustavi 2, Georgia’s main private channel, in which he addressed Putin in Russian.

Kremlin spokesman Dmitry Peskov called Gabunia’s outburst “unacceptable” and wrote it off as another manifestation of Russophobia. Russian Foreign Ministry spokeswoman Maria Zakharova said she simply saw it as “Georgia’s problem.”

The Russian parliament said it would debate economic measures against Georgia on Tuesday to respond to its “unfriendly actions,” including to what the head of the lower-house foreign affairs committee Leonid Slutsky said was a “boorish incident on Rustavi 2.”

Russian lower house speaker Vyacheslav Volodin has suggested opening a criminal case into the offending journalist and requesting his extradition.

Georgian President Salome Zourabichvili and Prime Minister Mamuka Bakhtadze rushed to condemn Gabunia for swearing on camera, with Bakhtadze calling the rant a provocation against Georgia that put its security at risk.

The Rustavi 2 broadcaster said in a statement that the journalist failed to live up to its high standards. The channel’s chief executive, Nika Gvaramia, criticized Gabunia for using obscene language but added he shared his stance.

Hundreds of Georgians rallied outside Rustavi 2’s main office in Tbilisi on Sunday night to demand that the channel fire Gabunia. Some protesters threw eggs and bottles at the building. Rallies continued on Monday with further calls to sack the channel’s senior executives.

Ties between Russia and Georgia worsened after the war of 2008. Massive protests broke out in Georgia’s capital Tbilisi last month after a Russian lawmaker addressed the national legislature from the speaker’s seat. Clashes prompted Russia to stop air traffic to Georgia over security concerns.

Notizie correlate