Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Innovazione, Rostan (LeU) alla Bayer di Garbagnate: “Più investimenti su Industria 4.0″

"rilanciare competitività aziende italiane”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Occorrono più investimenti da parte dello Stato per sostenere la sfida Industria 4.0 per una maggiore competitività delle nostre aziende in Europa e nel mondo. L’esempio dello stabilimento Bayer di Garbagnate, unico sito di casa nostra ad essere inserito dal World Economic Forum tra le nove migliori realtà produttive al mondo, deve trovare numerose repliche nei più diversi settori strategici della nostra economia. Innovazione digitale, sostenibilità, attenzione per il benessere dei lavoratori sono alla base di una sfida che l’Italia deve vincere a tutti i costi. Questa azienda ha dimostrato che si può fare e ha contribuito in maniera determinante a far diventare l’Italia la prima manifattura farmaceutica d’Europa, con 31 miliardi di valore della produzione, superando un gigante che sembrava inarrivabile come la Germania”. Lo ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan, nel corso della visita di una delegazione parlamentare allo stabilimento Bayer di Garbagnate Milanese.

“Un salto di qualità che ha avuto un impatto positivo anche per l’intero settore socio sanitario – ha proseguito la Rostan – grazie alle numerose campagne di sensibilizzazione e di prevenzione nel campo oncologico e in quello cardiovascolare promosse dall’azienda. E’ importante sottolineare come la maggior parte dei prodotti farmaceutici qui realizzati sia destinata all’esportazione contribuendo in modo significativo all’economia del settore. Una circostanza che dimostra come sia perfettamente coniugabile il tema delle soluzioni digitali e dell’utilizzo dei dati adottati per raggiungere significativi sviluppi produttivi, con l’approccio che mette al centro la tutela dei livelli occupazionali e la sostenibilità”.