Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania

Napoli, Papa Francesco: “Il Mediterraneo e’ il mare del meticciato aperto all’incontro, al dialogo”

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Il Mediterraneo e’ il mare del meticciato, se non capiamo il meticciato non capiremo il Mediterraneo, un mare geograficamente chiuso rispetto agli oceani ma culturalmente sempre aperto all’incontro, al dialogo e alla reciproca inculturazione”. Lo ha annunciato Papa Francesco durante il convegno a Napoli dal titolo ‘La teologia dopo Veritas Gaudium nel contesto del Mediterraneo’, una due giorni organizzata nella sezione San Luigi della facolta’ teologica dell’Italia meridionale. Il Pontefice che ha lasciato il capoluogo partenopeo poco prima delle 13, ha incentrato il suo discorso sui temi della pace, dell’accoglienza e del dialogo, evidenziando anche l’apporto fondamentale delle donne. “Il dialogo – ha sottolineato  – è anzitutto un metodo di discernimento e di annuncio della Parola d’amore che è rivolta ad ogni persona”. Il Santo Padre ha poi ricordato che la Chiesa e la società civile “possono aiutare a riprendere la strada in compagnia di tanti naufraghi, incoraggiando le popolazioni del Mediterraneo a rifiutare ogni tentazione di riconquista e di chiusura identitaria”.

“Il contributo che le donne stanno dando e possono dare alla teologia è indispensabile – ha sottolineato Papa Francesco – e la loro partecipazione va quindi sostenuta, come fate in questa Facoltà”.

“Sogno Facoltà teologiche dove si viva la convivialità delle differenze – ha poi concluso il Pontefice –  dove pratichi una teologia del dialogo e dell’accoglienza. I criteri del Proemio della Costituzione Apostolica sono criteri evangelici, di questa ricerca teologica Napoli è esempio e laboratorio speciale”. Papa Francesco ha poi sottolineato che in città: “non ci sono solo episodi di violenza, ma tante tradizioni e tanti esempi di santita’, oltre a un capolavoro di Caravaggio sulle opere di misericordia e la testimonianza del santo medico Giuseppe Moscati”.