Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Cronaca

Napoli, Marigliano su aggressione tabaccaio a Chiaiano: “Categoria nel mirino. Ringraziamo Forze dell’ordine”

"Preoccupati per le condizioni di salute del nostro collega"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Al nostro collega tabaccaio di Chiaiano vanno la solidarietà della Federazione Italiana Tabaccai di Napoli e mia personale per la brutale aggressione di cui è stato vittima. Un episodio gravissimo di una violenza immotivata”. Queste le parole del Presidente Provinciale FIT di Napoli, Francesco Marigliano. Marigliano si riferisce ad un episodio di violenza avvenuto ieri presso la stazione della metropolitana Linea 1 di Chiaiano. Sul posto immediato l’intervento degli agenti del Commissariato di Polizia Scampia che hanno arrestato un cittadino extracomunitario per lesioni gravi. Poco prima infatti, il cittadino nigeriano aveva aggredito all’interno della stazione un 52enne, titolare della ricevitoria di tabacchi all’interno della stazione della Linea1, per futili motivi, sferrandogli un pugno al volto. L’aggressore è stato bloccato e trattenuto dagli addetti alla vigilanza che l’hanno consegnato ai poliziotti, mentre la vittima è stata condotta dal 118 presso un ospedale cittadino.

“Da mesi registriamo e prontamente denunciamo episodi di violenza ai danni dei tabaccai in un clima di generale insicurezza. Per questo nelle prossime settimane la FIT, da sempre in prima linea contro la criminalità, parteciperà all’iniziativa dell’Associazione INDICAM con cui abbiamo realizzato il primo Urban Security System, che permetterà alle Forze dell’ordine e alle amministrazioni locali di rispondere sempre più incisivamente al bisogno crescente di sicurezza dei loro cittadini”. “A nome di tutti i tabaccai napoletani ringrazio le Forze dell’ordine che prontamente hanno assicurato il malvivente alla giustizia. La nostra unica preoccupazione ora – conclude Marigliano – è per le condizioni di salute del nostro collega che restano purtroppo ancora gravi”.