Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia

Fca ritira la proposta di fusione con Renault

Il Lingotto: “Non vi sono attualmente in Francia le condizioni politiche perché una simile fusione proceda con successo”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di gat

Retromarcia di Fca nell’operazione Renault. Dopo due giorni di tentennamento, il Cda della casa francese non è riuscito a sciogliere le riserve sull’alleanza con il Lingotto che alla fine ha deciso di interrompere le trattative. Fca ritira la sua offerta di integrazione da 33 miliardi di euro perché non esistono più le condizioni politiche per portare avanti la fusione.

“Il Consiglio di Amministrazione di Fiat Chrysler Automobiles N.V. riunitosi questa sera sotto la presidenza di John Elkann ha deciso di ritirare con effetto immediato la proposta di fusione avanzata a Groupe Renault”, così una nota diramata dal gruppo italo-statunitense. “Fca continua ad essere fermamente convinta della stringente logica evolutiva di una proposta che ha ricevuto ampio apprezzamento sin dal momento in cui è stata formulata e la cui struttura e condizioni erano attentamente bilanciati al fine di assicurare sostanziali benefici a tutte le parti. E’ tuttavia divenuto chiaro che non vi sono attualmente in Francia le condizioni politiche perché una simile fusione proceda con successo”. Fca, conclude la nota, “continuerà a perseguire i propri obiettivi implementando la propria strategia indipendente”.

Torino punta quindi il dito contro il governo di Parigi che possiede il 15 per cento di Renault e che sarebbe stato dirimente nelle esitazioni delle ultime 24 ore della casa francese. Decisiva pure la posizione di Nissan, partner di Renault, che temeva, nel caso di una fusione con Fca, un ridimensionamento del proprio peso. Non a caso i rappresentanti della casa giapponese si sono astenuti nel voto sull’accordo e il governo francese ha di conseguenza chiesto il rinvio della decisione finale. Troppe esitazioni per Fca che ha quindi preferito sfilarsi dalla partita.

Le conseguenze sui mercati non si sono fatte attendere. Dopo l’annuncio di ritirare la proposta di fusione, il titolo di Fca ha subito un pesantissimo -3,34% a Wall Street.