Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

Siria: Oltre 1.100 profughi sono tornati a casa da Giordania e Libano

Nelle ultime 24 ore le unità di ingegneria siriane hanno sgombrato le mine da 3,3 ettari di terreno e neutralizzato 26 ordigni esplosivi
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di der

Più di 1.100 rifugiati siriani sono tornati a casa dalla Giordania e dal Libano nelle ultime 24 ore, ha detto oggi il Centro per la riconciliazione dei paesi opposti e il monitoraggio della migrazione dei rifugiati.

”Nelle ultime 24 ore, un totale di 1.154 persone sono tornate in Siria dal territorio di stati stranieri: 407 persone (tra cui 122 donne e 207 bambini) hanno lasciato il Libano per la Siria attraverso i checkpoint Jaydet-Yabus e Talkalakh e 747 persone (incluso 224 donne e 381 bambini) dalla Giordania attraverso il checkpoint di Nasib “, ha detto il centro nel suo bollettino quotidiano.

Il bollettino ha anche detto che 15 siriani sfollati sono tornati nei loro luoghi di residenza permanente nel paese nel periodo indicato. Secondo il bollettino, le unità di ingegneria siriane hanno sgombrato le mine da 3,3 ettari di terreno e neutralizzato 26 ordigni esplosivi nelle ultime 24 ore.

Mentre il governo siriano ha riconquistato il controllo sulla maggior parte dei territori del paese che erano stati sequestrati dai terroristi, ora si concentra sulla creazione di condizioni favorevoli per il rimpatrio dei rifugiati. Mosca sta assistendo Damasco in questo processo, oltre a fornire aiuti umanitari ai civili ed essere un garante del cessate il fuoco.

More than 1,100 Syrian refugees returned home from Jordan and Lebanon over the past 24 hours, the Russian Defense Ministry’s Center for Reconciliation of Opposing Sides and Refugee Migration Monitoring said on Monday.

”Over the past 24 hours, a total of 1,154 people returned to Syria from the territory of foreign states: 407 people (including 122 women and 207 children) left Lebanon for Syria via the Jaydet-Yabus and Talkalakh checkpoints, and 747 people (including 224 women and 381 children) from Jordan via the Nasib checkpoint,” the center said in its daily bulletin.

The bulletin also said that 15 internally displaced Syrians had returned to their places of permanent residence in the country over the given period. Syrian engineering units have cleared of mines 3.3 hectares (8.1 acres) of land and neutralized 26 explosive devices over the past 24 hours, according to the bulletin.

As the Syrian government has regained control over most of the country’s territories that had been seized by terrorists, it is now focused on creating favorable conditions for repatriating refugees.

Moscow is assisting Damascus in this process, along with providing humanitarian aid to civilians and being a guarantor of the ceasefire.