Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Agricoltura

‪Vino, Sannio Falanghina: il ruolo innovativo delle donne come produttrici, vignaiole, ristoratrici, enotecarie ‬

‪Insieme alla Sicilia, la Campania è la prima regione d’Italia per imprese agricole femminili per un totale di oltre 25mila attività‬
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

Si è appena concluso l’incontro con Le Donne del Vino– associazione nata nel 1988 che riunisce 800 produttrici, vignaiole, ristoratrici, enotecarie e giornaliste – promosso dalla Capitale europea del Vino 2019, Sannio Falanghina.

Dai dati raccolti in Campania sull’agricoltura, emerge una crescita significativa delle imprese al femminile. Insieme alla Sicilia, infatti, la Campania è la prima regione d’Italia per imprese agricole femminili: più di un terzo delle aziende è guidata da una donna, per un totale di oltre 25mila attività. Solo nella provincia di Benevento, le imprese “rosa” rappresentano il 19% del totale regionale.

Le donne in Italia dirigono imprese agricole sul 21% della superficie agricola utilizzabile e producono il 28% del PIL agricolo – ha evidenziato Donatella Cinelli Colombini, presidente nazionale “Le Donne del Vino” – I dati dimostrano che le imprese femminili sono più internazionalizzate, più diversificate e più orientate alla qualità e alla difesa ambientale. Le donne, dunque, si propongono come modello per una agricoltura innovativa e sostenibile, essendo tra l’altro più scolarizzate degli uomini. Per quanto riguarda il turismo del vino, quasi il 90% delle cantine guidate da donne sono aperte al pubblico, a dimostrazione della lungimiranza e delle strategie innovative di marketing introdotte. Valori e caratteristiche che rendono le donne particolarmente adatte a lavorare in questo settore e, soprattutto, ad impegnarsi nel progetto Sannio Falanghina con un ruolo da protagoniste“.

Il principale merito delle donne del vino, resta quello di aver reinventato il concetto stesso di impresa agricola, innovando ed introducendo nuove leve di marketing legate alla sostenibilità, alla tutela ambientale e alla bellezza del paesaggio. E non solo.

Le associazioni per la valorizzazione dei prodotti tipici, il recupero di antiche varietà di prodotti, l’accoglienza e l’ospitalità familiare con le cucine gestite da donne, l’introduzione di linee di cosmesi, prodotti di bellezza che rappresentano un segmento innovativo nel ramo della produzione naturale e tradizionale dei vini, ma anche l’estetica della bottiglia, il design e la cura dei luoghi.

Oggi lanciamo da Guardia Sanframondi una sfida importante, iniziata con il progetto Sannio Falanghina, che si completerà con il riconoscimento del ruolo delle donne in questo settore e con la valorizzazione del territorio – ha dichiarato Giulia Falato, consigliere comunale di Guardia Sanframondi – Abbiamo ampie potenzialità per continuare a crescere e, soprattutto, per creare nuove realtà imprenditoriali anche al femminile, promuovendo paesaggi vivibili, sostenibili e belli”.

Le donne dimostrano una innata capacità nel saper coniugare le sfide del mercato con la tradizione. Un valore aggiunto per l’intero tessuto imprenditoriale, che in molti casi ha consentito alle imprese di famiglia di sfidare la crisi. In Campania, ad esempio, in poco tempo le imprese agricole femminili sono passate dal 34,8% al 37,6% (la media nazionale si attesta intorno al 29%).

L’importantissimo riconoscimento ottenuto da Sannio Falanghina come Città Europea del Vino, ha costituito lo stimolo per l’avvio di una riflessione strategica riguardo al Sannio- ha spiegato Valentina Carputo, presidente Campania de “Le Donne del Vino” – quale destinazione principale del turismo del vino in Campania, e al vino come leva di sviluppo di questo territorio“.