Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Cultura

Napoli, Bocelli al San Carlo con 700 studenti campani per parlare di musica e arte

Tra gli Istituti coinvolti il Conservatorio Nicola Sala di Benevento, il Liceo Margherita di Savoia, il Liceo Miranda di Frattamaggiore
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

Un pomeriggio al Teatro San Carlo per oltre 700 studenti campani con il Maestro Andrea Bocelli e Marco Sesana, Country Manager di Generali Italia, per parlare di passione, impegno, musica e arte e la possibilità, per i ragazzi, di assistere al concerto del celebre tenore nelle due date napoletane.

È l’omaggio che, con Valore Cultura, Generali Italia ha fatto ai ragazzi di Napoli aprendo le porte del Teatro San Carlo a 700 studenti, molti dei quali coinvolti nel progetto di Alternanza Scuola-Lavoro destinato agli Istituti superiori della Campania e sostenuto da Generali Italia insieme al Teatro di San Carlo.

Tra gli Istituti coinvolti il Conservatorio Nicola Sala di Benevento, il Liceo Margherita di Savoia, il Liceo Miranda di Frattamaggiore, l’Istituto Terra di Lavoro di Caserta, il Liceo Moscati di Sant’Antimo, il Liceo Garibaldi di Napoli.

 

Ieri, domenica 19 maggio i ragazzi hanno avuto l’opportunità unica di incontrare Andrea Bocelli e Marco Sesana presso il Massimo partenopeo raccontando le loro storie, passioni e fatiche, vivendo un momento significativo.

“La passione è uno dei volti dell’amore – ha dichiarato Andrea Bocelli -, e l’amore è il motore del mondo, è il sale della vita. L’esistenza è il più grande dei doni, da ricevere e vivere con gratitudine, audacia, e soprattutto con ottimismo. Ottimismo che in me cresce, fortificato, ogni volta che ho il piacere di misurarmi con le giovani generazioni. Alle quali consiglio sempre di respirare i loro giorni a pieni polmoni e di perseguire un comportamento in linea con i propri principi, perseguendo il bene, traducendo ogni dichiarazione d’intenti nella concretezza delle azioni…. Ciò che conta è il “fare”, con fiducia, non smettendo mai di appassionarsi alla vita”.

 

 

Nell’ambito di Valore Cultura – il programma di Generali Italia nato nel 2016 con l’obiettivo di rendere l’arte e la cultura accessibili a un pubblico sempre più ampio e di avvicinare le famiglie, in particolare i giovani, a questo mondo – è stato avviato il progetto di Alternanza Scuola-Lavoro del Teatro di San Carlo, destinato ai ragazzi degli Istituti superiori della Campania e, in particolare, a quelli delle periferie di Napoli.

 

Il progetto, sostenuto da Generali Italia per due edizioni consecutive, ha coinvolto più di 3000 ragazzi. Lo scorso 5 aprile 1500 studenti che hanno partecipato all’edizione 2019 hanno invaso le strade di Napoli con un flash mob dedicato a Georg Gershwin. Il programma Alternanza Scuola- Lavoro prevede percorsi formativi con laboratori sulle arti e sui mestieri dello spettacolo e offre la possibilità di apprendere un mestiere a molti ragazzi, provenienti anche da ambienti periferici e disagiati della città e della regione.

 

L’appuntamento dei ragazzi con il tenore proseguirà lunedì e mercoledì sera, quando 300 studenti avranno anche l’opportunità di assistere al concerto di Andrea Bocelli.

“La presenza di Andrea Bocelli al Teatro San Carlo – afferma la Sovrintendente Rosanna Purchia – rafforza e dà ulteriore significato al progetto “Valore Cultura” di Generali Italia che ci affianca da diverso tempo nell’importante azione di coinvolgimento dei giovani alla vita culturale. Aprire le porte a trecento studenti provenienti dall’hinterland napoletano, offrendo loro non solo la possibilità di assistere al concerto ma anche di avvicinare l’Artista, credo che sia un’esperienza unica per i ragazzi. E per questo ringrazio il Maestro Bocelli per la grande disponibilità e generosità dimostrata”.

 

Il celeberrimo tenore tornerà sul palco dello storico teatro partenopeo dopo tredici anni, proponendo un programma lirico che sarà quasi identico a quello che l’artista ha portato in scena al Metropolitan Opera House di New York, a febbraio.

Il tema conduttore sarà l’amore, prìncipe del melodramma.

Sotto la direzione di Eugene Kohn (già collaboratore di Maria Callas, Franco Corelli, Luciano Pavarotti, Placido Domingo) e supportato dall’orchestra del Teatro San Carlo, Andrea Bocelli interpreterà una raccolta di pagine tratte dal repertorio lirico, delineando un affresco sonoro dell’amore, raccontato in epoche diverse e secondo le diverse sensibilità di alcuni tra i massimi compositori italiani e francesi: da Gaetano Donizetti a Giuseppe Verdi, a Giacomo Puccini (quest’ultimo, proiettato a pieno titolo dalla sua modernità nella dimensione di uomo del Novecento), da Charles Gounod a Jules Massenet, al francese d’adozione Jacques Offenbach.

Un ospite di profilo internazionale, il soprano Maria Aleida, affiancherà il tenore toscano nell’evocazione del sentimento universale dell’amore, linfa che supera ogni confine di luogo e di tempo.

Reduce dal trionfale successo del suo nuovo album pop “Sì”, che lo ha visto attestarsi contemporaneamente in vetta alle classifiche inglesi e statunitensi, Andrea Bocelli prosegue con instancabile passione – nei teatri così come nelle arene – la propria attività di ambasciatore della tradizione del bel canto italiano nel mondo.