Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Agroalimentare, economia

Bruxelles, De Castro: “creare un piano settoriale sul miele in Europa con il nuovo Parlamento europeo”

Lettera agli apicoltori dal vicepresidente della commissione agricoltura del Parlamento europeo
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Il nuovo Parlamento europeo, sarà l’occasione per dare vita ad un piano settoriale sul miele: un’organizzazione comune di mercato del miele che sia ancora più forte, al pari di quelle già esistenti per ortofrutta e vino”. È l’impegno assunto da Paolo De Castro, vicepresidente della commissione agricoltura del Parlamento europeo, in una lettera inviata oggi agli apicoltori italiani, in occasione della Giornata mondiale in difesa delle api. “In questi anni – afferma l’europarlamentare PD candidato alle prossime elezioni europee di domenica, 26 maggio – abbiamo sempre lavorato per proteggere e tutelare il ruolo delle api, aiutare gli apicoltori e garantire miele di ottima qualità, ottenendo importanti successi. Successi che vanno dal divieto di utilizzo di tre agrofarmaci neonicotinoidi, responsabili dell’aumento del tasso di mortalità degli insetti impollinatori, alla possibilità di considerare i terreni lasciati a riposo con piante mellifere ricche di polline e nettare come ‘aree ad interesse ecologico’ necessarie per adempiere agli obblighi della Politica agricola comune, grazie al Regolamento Omnibus”.

“Ma non possiamo fermarci qui – dice De Castro. La riforma della PAC, che sarà discussa dal nuovo Parlamento Europeo, è davvero un’occasione da non perdere per ottenere maggiori investimenti sia per la protezione della salute delle api che per il sostegno agli apicoltori, che meritano un supporto concreto anche nella lotta contro l’adulterazione del miele”. “La produzione italiana di miele ha raggiunto nel 2018 le 22.000 tonnellate per un valore di oltre 141 milioni di euro. Ma insieme – conclude De Castro – possiamo e dobbiamo fare ancora di più! Ce lo chiedono i nostri produttori e consumatori”.