Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Ue, Conte: a Europa serve contributo critico no derive nazionaliste

Il premier ribadisce “l'impegno ad evitare l'aumento dell'Iva per disinnescare le clausole di salvaguardia previste negli anni 2020 e 2021”, ma avverte: “Non è un'impresa facile”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di cos

“Ancora oggi il progetto europeo concepito e perseguito a livello politico ed economico, continua a rappresentare una dimensione irrinunciabile per l’Italia”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte intervenendo all’assemblea di Rete Imprese. “Non abbiamo bisogno di europeisti a buon mercato né di derive nazionalistiche. Quello che serva all’Europa è un contributo critico. Un approccio di nuovo umanesimo che dia priorità assoluta in tutte le sue dimensioni al valore della dignità umana. Significa promuovere più democrazia e più solidarietà. Un indirizzo che perseguiremo nel corso dei prossimi vertici europei. Analoghi princìpi hanno ispirato e continuano a ispirare la nostra politica interna”.



“Nella fase uno del governo – ha quindi sottolineato – abbiamo lavorato per rispondere con urgenza a istanze delle fasce più deboli della popolazione; nella fase due abbiamo come obiettivo quello di rilanciare la crescita”.

Il presidente del Consiglio ribadisce “l’impegno ad evitare l’aumento dell’Iva per disinnescare le clausole di salvaguardia previste negli anni 2020 e 2021”, ma avverte: “Non è un’impresa facile”.