Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Governo, Berlusconi: situazione grave, sanno solo litigare

“Sto bene, ho avuto una bella paura. Tante cose che si sono succedute negli ultimi tempi mi hanno fatto pensare di essere arrivato alla fine del girone", ha detto il leader di FI appena uscito dall'ospedale
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di mal

“Sto bene, ho avuto una bella paura. Tante cose che si sono succedute negli ultimi tempi mi hanno fatto pensare di essere arrivato alla fine del girone. Invece ho avuto una ripresa formidabile. Tutti i dati fondamentali sono a posto”. E’ quanto ha dichiarato il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi appena uscito dal San Raffaele. “Adesso l’ho promesso a chi mi ha curato che farò campagna elettorale le ultime due settimane prima del voto”. E non probabilmente comizi pubblici ma attraverso giornali, radio, tv.

“Così potrò mettermi in contatto bene con gli italiani e cercare di far sì che capiscano in che situazione siamo: grave. Siamo di fronte a un Governo che sa fare una sola cosa, cioè litigare. Che ha portato l’Italia a non crescere: troppe aziende chiudono, non ci sono posti di lavoro. Ci sono troppe cose che non vanno e nessuna cosa positiva all’orizzonte”.

“Noi come Forza Italia – continua l’ex premier – ci siamo dati una missione per l’Italia: avere dei voti che uniti a qualche voto negativo degli altri partiti che oggi stanno insieme al Governo possa dare la possibilità di un nuovo Governo. Con una maggioranza da trovare in Parlamento, o con nuove elezioni”. E un’altra missione per l’Europa, che è da cambiare: “Il Ppe – dice – deve lasciare l’alleanza con la sinistra e creare nuove alleanze: con liberali, conservatori, la destra democratica e magari anche con quella testa matta di Orban e con Salvini, che devono capire che come nazionalisti non potrebbero fare niente, contare niente in Europa”. 

”Per fare questo è chiaro – dice Berlusconi – che io dovrò essere presente e avere una buona dote di consenso in Italia. Io credo in Europa di avere un passato che farà sì che io potrò essere ascoltato e ascoltato con rispetto. E’ importante che io possa parlare nel Ppe. Per dire che si riprenda il progetto dei padri fondatori che volevano gli Stati Uniti d’Europa, con un’unica politica, economica, fiscale ed estera e della difesa. Occorre mettere insieme tutte le forze armate dei Paesi europei così la Ue diventerebbe una potenza mondiale sul piano militare e potrebbe assumere il ruolo di unificare l’Occidente che oggi è diviso”.

”Mi sento ancora utile per il futuro degli italiani, degli europei e dell’Occidente. Penso e spero – conclude Berlusconi – di avere ancora la salute e la forza necessari per far capire a tanti leader -europei, americani e russi – che oggi c’è una grave crisi di leadership e bisogna essere lungimiranti”.

Notizie correlate