Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

Russia: divieto ingresso negli Usa per premier ceceno è atto ostile

Secondo Washington ci sarebbero “prove credibili” sarebbe coinvolto nella massiccia corruzione e nella violazione dei diritti umani nel paese
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di der

La decisione degli Stati Uniti di vietare l’ingresso al primo ministro della Repubblica cecena russa, Muslim Khuchiyev, è un atto ostile e non rimarrà senza risposta. Lo ha detto il ministero degli Esteri russo. Il dipartimento di Stato americano ha annunciato giovedì il divieto di viaggiare su Khuchiyev sostenendo che ci sono “prove credibili” del presunto coinvolgimento del funzionario nella massiccia corruzione e violazioni dei diritti umani.

“I promotori di questo passo hanno ancora una volta accusato la leadership di questa regione russa senza fondamento… aspettandosi invano che la mossa possa esercitare più pressione sul nostro paese”, ha detto il ministero, aggiungendo che la decisione degli Stati Uniti rifletteva l’intenzione di Washington di intensificare i rapporti bilaterali tensioni.

”Certo, i tentativi di fare pressioni sulla Russia falliranno. È tempo che i politici statunitensi si liberino dell’illusione che chiunque nel nostro paese possa essere spaventato da un divieto di viaggio negli Stati Uniti. Tali idee sono ridicole. Tali atti ostili non rimarranno senza risposta “, ha aggiunto il ministero.

The US move to ban entry to Muslim Khuchiyev, the prime minister of Russia’s Chechen Republic, is a hostile act and will not go unanswered, the Russian Foreign Ministry said Friday. The US State Department announced the travel ban on Khuchiyev on Thursday claiming that there were “credible evidence” of the official’s alleged involvement in massive corruption and human rights violations.

”The initiators of this step once again accused the leadership of this Russian region without grounds… expecting in vain that the move can exert more pressure on our country,” the ministry said, adding that the US decision reflected Washington’s intention to escalate bilateral tensions.

“Of course, attempts to pressure Russia will fail. It’s time for US politicians to get rid of the illusion that anyone in our country can be frightened by a US travel ban. Such ideas are ridiculous. Such hostile acts will not go unanswered,” the ministry added.