Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Voto in Finlandia

Vince la sinistra ma i populisti sfiorano il successo

Esulta Salvini: “Il 26 maggio, insieme alla Lega, finalmente si cambia l'Europa”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di aso

Il partito socialdemocratico guidato dall’ex-leader sindacale Antti Rinne vince di un soffio le elezioni parlamentari in Finlandia con il 17,7% delle preferenze e supera di appena lo 0,2% i voti dei populisti di estrema destra dei “Veri Finlandesi” che ottengono il 17,5% e diventano la seconda forza parlamentare. Secondo i calcoli dei media locali, ai socialdemocratici vanno 40 seggi e ai Veri Finlandesi 39. È la prima volta dal 1999 che i socialdemocratici sono il partito del primo ministro, ha ricordato Rinne. La sinistra potrebbe tornare a guidare il governo dopo 20 anni anche se il problema dei socialdemocratici rimane ora quello di trovare partner per una coalizione.

Seguono il partito conservatore Kokoomus del ministro delle Finanze in carica Petteri Orpo e il partito di centro del premier uscente, Juha Sipila, che si era dimesso il mese scorso dopo la bocciatura della sua riforma sanitaria, che voleva ridurre i costi per la salute. Il risultato dei “Veri Finlandesi” fa esultare Matteo Salvini: “Gli amici ‘populisti’ del Partito dei Finlandesi diventano secondo partito in Finlandia!!! Il 26 maggio, insieme alla Lega, finalmente si cambia l’Europa”, ha affermato il vice premier. Rinne in campagna elettorale ha puntato su un rafforzamento dello stato sociale, promettendo tra le altre cose di aumentare le pensioni di 100 euro al mese per fare uscire dalla povertà oltre 55mila persone mentre il partito del premier uscente è stato bocciato per la sua riforma sanitaria, che voleva ridurre sensibilmente i costi per la salute.