Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

Siria, Ali Abdul Karim Ali: bisogna fermare il focolaio terroristico ad Idlib

È l’unico modo per preservare i progressi già raggiunti dall'esercito siriano nel risolvere la lunga crisi.
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di onp

L’ambasciatore siriano in Libano Ali Abdulkarim Ali ha sollecitato si risolva la situazione della regione idlib siriana che diventa un focolaio di terrorismo al fine di preservare i progressi già raggiunti dall’esercito siriano nel risolvere la lunga crisi.

Secondo l’ambasciatore, il mondo intero è interessato a “prevenire che il terrorismo subisca una chirurgia plastica e si manifesti con nuovi nomi perché è una bomba a orologeria”.

Il diplomatico ha aggiunto che la Siria ha creduto che senza sconfiggere il terrorismo, tutti gli sforzi compiuti dalle potenze alleate per risolvere la crisi sarebbero sprecati.

”È necessario esprimere chiaramente e definire un periodo di tempo specifico per il processo di riconciliazione senza estenderlo, perché Idlib è una grande regione che pone grandi sfide, ci sono terroristi che minacciano il successo ottenuto dall’esercito siriano”, ha detto il diplomatico, aggiungendo anche che i terroristi di Idlib rappresentano una minaccia per la Turchia, l’Iran e la Russia.

L’ambasciatore ha affermato che la situazione deve essere risolta, sottolineando la necessità di adottare misure sia militari che politiche.

Ha notato che mentre il livello di coordinamento tra la Siria e la Russia è elevato, le posizioni dei due paesi potrebbero non sempre coincidere, il che è del tutto normale.

Syrian Envoy Calls for Destroying Terrorist Hotbed in Idlib to Preserve Progress Achieved – Syrian Ambassador to Lebanon Ali Abdulkarim Ali has urged to resolve the situation with Syria’s Idlib region becoming a hotbed of terrorism in order to preserve the progress that had already been achieved by the Syrian army in settling the longstanding crisis.

According to the ambassador, the whole world is interested in “preventing terrorism from undergoing a plastic surgery and arising under new names because it was a time bomb.” The diplomat added Syria believed that without defeating terrorism, all efforts taken by allied powers in resolving the crisis would be wasted.

”It is necessary to clearly express and define a specific time frame for the reconciliation process without extending it. Idlib is a large region that poses great challenges, there are terrorists threatening the success achieved by the Syrian army,” the diplomat told Sputnik, adding that terrorists in Idlib also posed threat to Turkey, Iran and Russia.

The ambassador said the situation had to be resolved, stressing the need to take both military and political measures. He noted that while the level of coordination between Syria and Russia was high, the positions of the two countries may not always match, which is completely normal.

Notizie correlate