Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

M.O., Francia condanna decisione Israele di costruire 4000 case in Cisgiordania

“La colonizzazione è contro il diritto internazionale e mina le condizioni di una pace giusta e duratura tra israeliani e palestinesi”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di cos

La Francia condanna la decisione di Israele di approvare la costruzione di quasi 4.000 nuove case in Cisgiordania, che le Nazioni Unite considerano territori palestinesi occupati. Lo ha detto il Ministero degli Esteri francese. La settimana scorsa, i media hanno riferito che l’amministrazione israeliana ha approvato più di 3.600 unità abitative in Cisgiordania, di cui 1.226 hanno avuto il via libera finale.



”La Francia è impegnata in una soluzione in cui due stati vivono uno accanto all’altro in pace e sicurezza, con Gerusalemme come capitale. La colonizzazione è contro il diritto internazionale e mina le condizioni di una pace giusta e duratura tra israeliani e palestinesi. Questo è il motivo per cui condanniamo la decisione delle autorità israeliane del 4 aprile, che autorizza la costruzione di più di 4.000 case nelle colonie in Cisgiordania”, ha detto il ministero.



France condemns Israel’s decision to approve building almost 4,000 new homes in the West Bank, which the United Nations considers occupied Palestinian territories, the French Foreign Ministry said Friday.

Last week, media reported that the Israeli Civil Administration approved more than 3,600 housing units in the West Bank, with 1,226 of them given the ultimate go-ahead.



”France is committed to a solution where two states live next to each other in peace and security, with Jerusalem as capital. The colonization is against the international law and undermines conditions of a just and durable peace between Israeli and Palestinians. This is the reason why we condemn the decision of the Israeli authorities dated April 4, which authorizes building more than 4,000 homes in the colonies in West Bank,” the ministry said, according to the excerpt from the briefing on the ministry’s website.



On April 6, Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu pledged to annex settlements in the West Bank if he secured next term at the upcoming election. Netanyahu’s Likud party won Tuesday’s election with 36 mandates in the Knesset, the final election results, released by the Central Elections Committee, showed.