Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia

Economia, Istat: in 2018 valore aggiunto su grazie a società non finanziarie

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di mal

“Nel 2018 il valore aggiunto a prezzi correnti generato dal complesso dell’economia nazionale (e valutato a prezzi base) aumenta dell’1,8% rispetto al 2017. Pur proseguendo la fase di crescita, emersa dopo la contrazione degli anni 2012-2013, la dinamica si è indebolita (+2,2% nel 2016 e +2,0% nel 2017). Questo risultato è la sintesi delle performance dei diversi operatori istituzionali. L’andamento complessivo è guidato dalle società non finanziarie, il cui valore aggiunto è cresciuto nel 2018 del 2,5%, in rallentamento di 0,5 punti percentuali rispetto al 2017. Il loro contributo alla dinamica del sistema produttivo si è limitato nell’ultimo anno a 1,3 punti percentuali, valore più basso dal 2015″. E’ quanto emerge dai Conti economici trimestrali per settore istituzionale (Anno 2018) dell’Istat.

”Un sostegno all’andamento del valore aggiunto è venuto dalla rilevante crescita della componente delle amministrazioni pubbliche (+2,8%), che hanno fornito, con 0,4 punti percentuali, il contributo più elevato dal 2012. Il valore aggiunto del complesso delle famiglie cresce dello 0,9%, nonostante l’attività produttiva delle piccole imprese e dei lavoratori autonomi abbia segnato il passo, aumentando solo dello 0,2% rispetto al 2017″.

”Nel biennio 2017-2018 il contributo delle famiglie alla crescita complessiva del valore aggiunto si è mantenuto pari a 0,3 punti percentuali, dopo che negli anni precedenti era risultato piuttosto variabile ma comunque contenuto. Il valore aggiunto delle società finanziarie ha segnato anche nell’ultimo anno una nuova marcata diminuzione (-4,2%), fornendo un contributo negativo di 0,2 punti percentuali alla crescita complessiva e proseguendo la tendenza negativa iniziata nel 2015”.

Notizie correlate