Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Di Maio: clausole Iva non possono e non devono scattare

"Io festeggerò il 25 aprile perché è un giorno importante della nostra storia in cui festeggiamo chi ha vinto, i nostri nonni che hanno portato avanti una battaglia contro un regime e che hanno ottenuto il risultato di darci la libertà e la democrazia"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di mal

“Noi siamo esclusivamente concentrati adesso a rilanciare la crescita economica sostenibile di questo Paese”. Lo ha detto il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio in diretta dal Salone del Mobile di Milano.

IVA E FLAT TAX -“Le clausole di salvaguardia sull’Iva – assicura Di Maio – non possono e non devono scattare perché significherebbe aumentare l’Iva per i cittadini italiani. L’Iva non deve e non può aumentare”. E sulla flat tax specifica: “Sono stato io a dire che se la flat tax è per il ceto medio e non per i ricchi, si deve fare e sarò io garante di questo. E’ chiaro che aspettiamo di vedere i conti di chi la propone per capire anche l’entità della misura”.

BANCHE – Sul decreto attuativo relativo ai rimorsi ai risparmiatori truffati dalle banche “siamo in dirittura d’arrivo, ma non si fanno passi in avanti se non d’accordo con tutte le associazioni dei truffati”.

SALARIO MINIMO – La nuova proposta del Pd “non so se recepisce le indicazioni dei sindacati, perché noi abbiamo un tavolo aperto con i sindacati sul salario minimo ed è un dialogo che porteremo avanti con la parte datoriale. Più che una proposta mi sembra una retromarcia di un partito che non difende chi lavora. Mi pare una proposta che interviene sulla normativa dei contratti ma non la si chiami una proposta sui salari minimi”.

IMMIGRAZIONE – “La politica che abbiamo portato avanti sull’immigrazione è fondamentale perché l’Italia è stata lasciata sola. Io lo dico con molta chiarezza: non si può pensare che unica politica migratoria dell’Italia sia quella – come abbiamo fatto giustamente fino ad ora e dobbiamo continuare a fare di dire che Italia non può essere il campo profughi di Europa. Noi reagiamo così perché non stiamo avendo il supporto dall’Europa. Supporto che significa che si consenta la redistribuzione dei migranti che arrivano in Italia. Principio che era stato sancito nel primo Consiglio europeo a cui ha partecipato Conte e poi tanti paesi non hanno dato seguito. Mi dispiace che tra questi paesi ci siano anche quelli che sono allegati della Lega in Europa”.

EUROPA – “Se economia europea si sta fermando è perché l’austerity l’ha indebolita così tanto che alle prime tensioni commerciali come quelle che ci sono state tra Stati Uniti e Cina ha ceduto, ha mollato. E’ un’economia debole quella europea perché è figlia dell’austerity. Le elezioni europee saranno occasione per cambiare le politiche economiche, per cambiare un modo di fare in Europa per cui per abbattere il debito ci siamo indeboliti dal punto di vista della competitività e della produttività e non ne sta risentendo solo l’Italia”.

EUROPEE- “Abbiamo per le europee un nuovo gruppo in cantiere che metterà insieme nuove forze che non sono né destra né sinistra, perché non voglio allearmi con quelle ultra destre che oggi dicono che l’Italia deve fare più austerità e tenersi i migranti, e nemmeno con quelle forze tradizionali che sono state il papà e la mamma dell’austerità in questi anni”.

25 APRILE – “Io festeggerò il 25 aprile perché è un giorno importante della nostra storia in cui festeggiamo chi ha vinto, i nostri nonni che hanno portato avanti una battaglia contro un regime e che hanno ottenuto il risultato di darci la libertà e la democrazia. Poi 365 giorni all’anno noi contrastiamo anche le mafie e la corruzione. Ma quel giorno è un bel giorno per la nostra nazione, in cui non ci sono due parti che si combattono. Ho ben chiaro da che parte stare il 25 aprile: dalla parte dei nostri partigiani che ci hanno liberato, non dalla parte di chi parla male dei partigiani o di chi vuole dire che il 25 aprile non è stato il giorno della Liberazione”.

Notizie correlate