Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Editoria, Modena (FI): Governo vuole bavaglio per informazione che non controlla

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di der

“Il Governo vuole mettere un bavaglio alla informazione che non controlla. Questa è la semplice verità, che cerca di nascondere dietro gli Stati generali della Editoria”. Lo dice la senatrice di Forza Italia, Fiammetta Modena.  “Il settore della informazione è in crisi per l’avvento dei social e il governo gialloverde toglie soldi ai giornalisti, annuncia il taglio delle agenzie, mette in ginocchio la stampa locale e Radio Radicale e lancia una riforma dove non si parla dei social che sono il primo motivo della crisi del settore. In questo scenario, poi, l’annuncio degli annunci: ‘lo stop’ alle liti temerarie, cioè alle querele o alle richieste di danni per diffamazione”, prosegue Modena.

“Il Governo lo sa che le querele o le azioni civili per diffamazione riguardano sempre più casi di comuni cittadini sui social e non i giornalisti? E che quindi il tema della lite temeraria è desueto e sicuramente di minore importanza rispetto alle norme che prevedono il carcere per i giornalisti? A Conte vogliamo ricordare che uno dei quattro punti trattati dall’ultimo consiglio europeo è stato proprio la richiesta di garantire maggiori sforzi per proteggere le libere elezioni nazionali ed europee dall’imperante disinformazione”, conclude la senatrice di Fi.