Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

‘Ndrangheta, delitto boss Bruni: Cassazione conferma 11 anni di carcere a Bruzzese e Lamanna

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

Anche per i supremi giudici della Corte di Cassazione confermano la condanna ad 11 anni di carcere per Franco Bruzzese e Daniele Lamanna. Entrambi elementi di spicco della criminalità organizzata cosentina, iniziando a collaborare con la giustizia, si professarono colpevole dell’omicidio di Luca Bruni detto ‘Bella Bella’ il cui corpo fu ritrovato sotterrato nelle campagne della città di Castrolibero grazie alle rivelazioni del pentito Adolfo Foggetti. Daniele Lamanna è l’esecutore materiale del delitto che si è consumato il 3 gennaio del 2012 mentre in quegli anni a reggere il clan ‘Rango-Zingari’ c’era proprio Franco Bruzzese.

La loro colpevolezza è stata accertata attraverso la sentenza della Corte di Assise di Cosenza e poi dopo attraverso la Corte di Assise di Appello di Catanzaro. Gli avvocati dei due imputati agli ermellini avevano chiesto di rivedere in diritto la questione sulle attenuanti generiche, ma il ricorso è stato rigettato dai giudici contestualmente alla conferma della condanna disposta nei due precedenti gradi di giudizio.

Dello stesso processo esistono altri due filoni. Se la Cassazione ha chiuso il capitolo riguardante i due collaboratori di giustizia Abbruzzese e Lamanna, sempre per lo stesso delitto, aspetta gli esiti del giudizio di Appello, Maurizio Rango condannato in primo grado alla pena dell’ergastolo. Il terzo capitolo riguarda invece Francesco Patitucci e Roberto Porcaro. Entrambi hanno scelto di affrontare il processo con il rito ordinario, ma le sorti giudiziarie sono state differenti. Patitucci è stato condannato a 30 anni di reclusione, per Porcaro invece assoluzione piena.