Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Manovra, Brunetta: aumento delle tasse e tagli dei servizi per finanziare assistenzialismo Lega-M5S

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di mal

“Oltre a capire dove trovare le risorse per aumentare l’Iva, il Governo dovrà poi mettere per iscritto come intenderà attivare la famosa clausola “salva deficit” inserita nella scorsa Legge di Bilancio, da utilizzare nel caso il rapporto deficit/Pil superi l’obiettivo del 2,04% concordato con Bruxelles. Evento già scontato, data l’entrata in recessione dell’Italia. L’Esecutivo ha accantonato 2 miliardi di euro da utilizzare per coprire il maggior deficit, ma gli italiani non hanno ancora realizzato che si tratterà di 2 miliardi di tagli a imprese, trasporti e atenei, a partire dal prossimo luglio, quando la Commissione farà il tagliando di controllo ai conti pubblici italiani. Se questa clausola scattasse, le Regioni, che già sono sul piede di guerra, perderebbero ben 300 milioni di euro, destinati al trasporto pubblico locale. Meno bus e meno treni per i cittadini. Per non parlare delle imprese, che perderebbero gli incentivi per la competitività e sviluppo per 481 milioni, delle università, che perderebbero 100 milioni per istruzione e ricerca e delle forze armate, che perderebbero 150 milioni per gli approvvigionamenti. Questi tagli ai servizi sono il prezzo da pagare per finanziare gli ingenti costi del reddito di cittadinanza e della quota 100, che non genereranno neanche un euro di crescita. Quando gli italiani si troveranno con un salasso di maggior Iva da pagare, mezzi di trasporto tagliati, incentivi per la competitività dimezzati, si renderanno conto dell’assurdità della politica economica di questo Governo di buoni a nulla, che fino a pochi mesi fa giurava che l’Italia era vicina ad un nuovo boom economico”. Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile della politica economica di Forza Italia.

Notizie correlate