Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia

Bce lascia tassi invariati almeno fino a fine 2019

Dal numero uno di Francoforte nuovo campanello d'allarme sulla crescita. Il Pil dell'eurozona è stato rivisto al ribasso a +1,1%
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di mal

Nella riunione odierna il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) ha adottato le seguenti decisioni di politica monetaria: i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al −0,40%. Il Consiglio direttivo si attende ora che i tassi di interesse di riferimento della BCE si mantengano su livelli pari a quelli attuali almeno fino alla fine del 2019 e in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine.

Il Consiglio direttivo intende continuare a reinvestire, integralmente, il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del programma di acquisto di attività per un prolungato periodo di tempo successivamente alla data in cui inizierà a innalzare i tassi di interesse di riferimento della BCE, e in ogni caso finché sarà necessario per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario.

Sarà introdotta una nuova serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (OMRLT III) trimestrali, a partire da settembre 2019 fino a marzo 2021, ciascuna con scadenza a due anni. Queste nuove operazioni contribuiranno a preservare condizioni favorevoli del credito bancario e l’ordinata trasmissione della politica monetaria. Nell’ambito delle OMRLT III, le controparti potranno ottenere finanziamenti per un importo pari a fino il 30% dello stock di prestiti idonei al 28 febbraio 2019 con tasso indicizzato al tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali per la durata di ciascuna operazione. Come il programma di OMRLT in essere, le OMRLT III incorporeranno incentivi al fine di preservare condizioni creditizie favorevoli. Informazioni più precise sui termini delle OMRLT III saranno comunicate prossimamente.

Le operazioni di rifinanziamento dell’Eurosistema continueranno a essere condotte mediante aste a tasso fisso con piena aggiudicazione dell’importo richiesto finché ciò sarà necessario e almeno fino alla fine del periodo di mantenimento delle riserve che avrà inizio a marzo 2021.

 Dal numero uno della Bce Mario Draghi è poi arrivato un nuovo campanello d’allarme sulla crescita. La Banca centrale europea ha rivisto al ribasso le stime di crescita per l’Eurozona, portando il Pil 2019 a +1,1%, a +1,6% per il 2020, mentre per il 2021 la Bce conferma una crescita dell’1,5%. Il presidente della Bce ha spiegato che l’Eurozona si trova in una fase di debolezza e incertezza, sebbene le probabilità di recessione siano basse.

Notizie correlate