Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Ambiente ed Energia, Ambiente

Ambiente, ‘Action day’: esercito e polizia metropolitana tra Napoli e provincia

Venti le aziende sequestrate per crimini ambientali
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

Nuova operazione dell'”Action day” tolleranza zero contro i crimini ambientali che ha visto interessati il Comune di Napoli (Posillipo, Doganella, San Pietro a Patierno) e i comuni di Nola , Marigliano Brusciano, Pompei, Torre del Greco, Melito, Sant’Antimo e Mugnano.

L’operazione é stata svolta nell’ambito delle normali attività della Polizia Metropolitana diretta comandante Lucia Rea in collaborazione con Esercito e nell’ambito delle attività dell’interforze dell’incaricato alla terra dei fuochi Viceprefetto Iorio.
Venti le aziende sequestrate per mancanza di autorizzazioni ambientali e sversamento illeciti, abbandono di rifiuti, emissioni in fogne e in atmosfera, ma anche smaltimento illecito di rifiuti pericolosi.
Le aziende vanno interessate erano autofficine, autocarrozzerie, opifici, autodemolizioni.
Venti le persone denunciate. Trenta identificate.

“L’ennesima, brillante operazione della Polizia Metropolitana – ha dichiarato il Consigliere Delegato Metropolitano Carmine Sgambati  – che oggi riveste un significato particolare. Proprio stamane, in un tavolo di concertazione con tutti gli attori istituzionali, coordinato dal Sindaco Luigi de Magistris, si è dato il via a un progetto che – a breve – vedrà una stretta collaborazione con il Corpo della Polizia Municipale di Napoli e di alcuni Comuni limitrofi.
Si tratta di una pianificazione mirata che, a regime, incrementerà considerevolmente la risposta istituzionale ai fenomeni di inquinamento dei nostri territori.
Chi pensa di continuare ad avvelenarci sappia che avrà vita sempre più dura grazie all’ impegno delle Amministrazioni di Città Metropolitana e Comune – entrambe guidate da Luigi de Magistris – nella lotta senza quartiere al crimine ambientale”.