Accedi

Agroalimentare, Ambiente

Maltempo, l’allarme della Coldiretti: milioni di alberi senza manutenzione

attenzione anche per la difesa fitosanitaria "aumentata l’aggressività di patogeni introdotti da diverse parti del mondo"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

L’ultima ondata di maltempo che ha colpito il centro sud ha causato numerose vittime nelle grandi città a seguito della caduta di rami e alberi killer favorita dalla ridotta e improvvisata manutenzione. E’ la denuncia della Coldiretti in una nota, evidenziando che il “verde urbano pubblico in Italia è aumentato del 3,7% in un quinquennio ed ha raggiunto nei capoluoghi di provincia oltre 564 milioni di metri quadrati che corrispondono ad una disponibilità media di 31,1 metri quadri per abitante”.

“Il verde pubblico – sottolinea la Coldiretti – è giustamente uno dei parametri che vengono utilizzati per valutare la vivibilità di un territorio e l’attenzione di una amministrazione per il benessere dei propri abitanti, ma questa valutazione non può essere disgiunta dalla verifica delle risorse economiche e delle professionalità che vengono investite per la manutenzione e la corretta gestione di queste aree. Troppo spesso – precisa la Coldiretti – vengono realizzate aree a verde senza una adeguata scelta delle essenze più adatte a quel clima o a quel terreno o a quella posizione, di dimensioni inadeguate o sesti di impianto e distanze dal pronto effetto ma problematiche per la manutenzione”.

Altra tematica è quella della difesa fitosanitaria, secondo la Coldiretti: “è aumentata per l’aggressività di tanti patogeni introdotti negli anni da diverse parti del mondo, ma troppo spesso non affrontati adeguatamente, con conseguenze catastrofiche sulla bellezza dei luoghi, ma anche sulla loro sicurezza, con problemi di stabilità degli alberi. In questo contesto particolare attenzione va riposta alle potature e allo sviluppo degli apparati radicali. L’aumento delle aree verdi va accompagnato da una attenta cura che spesso si scontra con i tagli finanziari che molte amministrazioni, in tempi di crisi, sono costrette ad operare sulla gestione del verde pubblico.

Quello che è indispensabile –  conclude la Coldiretti – è la rivalutazione del ruolo degli agricoltori nella tutela del verde urbano così come previsto dalla legge di orientamento che consente ai comuni di delegare la manutenzione agli imprenditori agricoli ed evitare così una gestione improvvisata che mette in pericolo i cittadini”.