Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Conte: zone più disagiate hanno bisogno di uno stimolo

"Non ha senso fissare un plafond prima bisogna avere le idee, elaborare i progetti, poi i finanziamenti ci sono, ci saranno e verranno dietro"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di mal

Il premier Giuseppe Conte oggi ha in agenda di far tappa a Campobasso, Potenza e Cagliari per avviare, rispettivamente per Molise, Basilicata e Sardegna, un Contratto istituzionale di sviluppo (CIS). “Uno strumento – ha scritto su Facebook – capace di mettere in moto, con il coinvolgimento degli attori locali, processi virtuosi per il rilancio dei territori. Questo significa cantieri, investimenti e ossigeno per le imprese. Dobbiamo promuovere lo sviluppo infrastrutturale, economico e sociale, incentivando il Sud a liberare le sue migliori energie. Stiamo seminando per raccogliere i frutti di questo lavoro”.

“Sono qui – ha spiegato il premier da Campobasso – per promuovere un contratto istituzionale di sviluppo. Le zone più disagiate hanno bisogno di uno stimolo, di un intervento anche del governo centrale. Bisogna far sistema”. Nei programmi di sviluppo in questione “sono coinvolti tutti gli attori pubblici ma anche privati, in sinergia, in una strategia di sviluppo integrata. Non è un progetto che vuole calarsi dall’alto: il governo centrale ha la funzione di stimolare l’elaborazione di progetti locali radicati sul territorio, sostenibili, plausibili e faremo di tutto per incrementare la crescita economica e lo sviluppo sociale del territorio. Noi ci siamo e sono sicuro, dall’entusiasmo raccolto oggi, che anche il territorio molisano saprà dare una risposta all’altezza”. A chi gli chiede notizia sull’entità dei finanziamenti dice “non ha senso fissare un plafond prima bisogna avere le idee, elaborare i progetti, poi i finanziamenti ci sono, ci saranno e verranno dietro”.

Notizie correlate