Accedi

Campania, Politica

Sanità, E. Russo (Fi): “Su Psaut Pollena Trocchia intervenga De Luca”

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Il presidente della Regione e commissario straordinario alla sanità, Vincenzo De Luca, intervenga in prima persona sulla vicenda della chiusura del punto di primo soccorso Psaut di Pollena Trocchia, le cui attività sono state interrotte a decorrere dal 1 febbraio, per effetto di una determinazione unilaterale della ASL Napoli 3 Sud. Ed intervenga anche sugli altri Psaut che in queste ore stanno chiudendo, come quello di Gragnano, perché la loro funzione di filtro, specie nelle ore notturne, è indispensabile per ridurre l’accesso improprio al pronto soccorso”. Lo ha dichiarato oggi il consigliere regionale di Forza Italia e vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, Ermanno Russo, nell’interrogazione question time rivolta al presidente De Luca.

“Purtroppo la risposta fornita dalla Giunta regionale questa mattina in aula ci lascia totalmente insoddisfatti, non fosse altro perché appare chiaro che la stessa sia stata redatta, come specificato anche dall’assessore Marchiello che ha risposto al question time in luogo del Governatore, dai manager dell’Asl Napoli 3 Sud. Manca un filtro per i codici bianchi sul territorio, la guardia medica funziona male e i cittadini si recano con mezzi propri presso il pronto soccorso del Cardarelli, di Nola, di Boscoreale o dell’Ospedale del Mare, creando il caos che poi genera l’emergenza barelle”, spiega Russo.

“Il presidente De Luca, che è anche commissario per il governo, se ne faccia carico. Quella fornita oggi in aula è una risposta fotocopia di quella data dalla Direzione generale della Asl nel corso dell’audizione tenuta lo scorso 31 gennaio in Commissione regionale Sanità, su sollecitazione del gruppo di Forza Italia. Il manager dell’Azienda Sanitaria Locale ci è venuta a raccontare che l’ospedale Apicella di Pollena Trocchia non chiuderà e che anzi diventerà un centro di eccellenza per la pneumologia e la gastroenterologia. La cosa non può che farci piacere ma, nel mentre, resta inevasa un’emergenza immediata sul territorio, che è quella di far fronte nell’entroterra alla domanda di salute che, soprattutto la notte, non viene soddisfatta dalla medicina del territorio, con il relativo, fisiologico, sovraffollamento dei pronto soccorso del capoluogo e della provincia napoletana. De Luca entri in questa partita e dia seguito a ciò che ha sempre sostenuto, anche nei dibattiti in Consiglio regionale, e cioè che il filtro sul territorio è imprescindibile per evitare di congestionare il Cardarelli e gli altri ospedali di frontiera”, conclude Russo.