Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Lazio/RomaCapitale

Governo, Santelli (FI): “Città più insicure, Roma è dimostrazione plastica”

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

“Nonostante i proclami di questo Governo le nostre città sono ancora più insicure e Roma, con le note vicende di questi giorni e di questi mesi, ne è la rappresentazione plastica”. Lo afferma, in una nota, Jole Santelli, vice presidente della commissione antimafia di Forza Italia. “Il lavoro svolto dalle forze di polizia – aggiunge – in una situazione di grave carenza di personale, è encomiabile ma manca un coordinamento centrale che privilegi strategie di intervento. Sono mesi che passa il messaggio sbagliato secondo il quale il problema sicurezza – dice Santelli – sia solo quello della Immigrazione clandestina, mentre si tratta di un segmento ( certo importante ma non unico) di un contesto molto più grande”.

“Nei territori delle grandi e piccole città – sostiene ancora la parlamentare azzurra – laddove la criminalità ha assunto radici forti la sovranità territoriale non appartiene allo Stato e si sposta continuamente l’attenzione su temi fuorvianti. La tossicodipendenza produce una media terribile di quasi un morto al giorno e non si hanno notizie di interventi mirati a sradicare lo spaccio”.

“La percezione che hanno i cittadini – continua la vice presidente della commissione antimafia – è quella di una realtà assai diversa da quella che viene propalata e che non trova adeguate risposte. La Capitale, biglietto da visita di un intero Paese, viene descritta dai media internazionali come una città aperta, dove regnano sottoboschi diffusi di criminalità pericolosa”.

“La richiesta che facciamo al Governo – conclude Santelli – è quella di fornire un programma di interventi che non sia propagandistico e che rassicuri la cittadinanza, riaffermando sempre la primazia delle istituzioni democratiche sui territori e non cedendo ad impulsi di distrazioni di massa, dietro i quali il crimine fertilizza e si alimenta”.