Accedi

Agroalimentare, economia

Spreco alimentare, Copagri Campania: recuperare e ridistribuire eccedenze e promuovere educazione e sensibilizzazione

Buonomo e Conte: tematica serva da stimolo per una riflessione e un’azione di portata più ampia
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione Campania

“Recuperare e ridistribuire le eccedenze alimentari, così come promuovere programmi di educazione alimentare e di sensibilizzazione dei consumatori che mirino a evidenziare l’importanza dell’agricoltura e del sistema agroalimentare, sono azioni fondamentali per ridurre gli sprechi alimentari”. Lo afferma la presidente della Copagri Campania Vera Buonomo in occasione della giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, che si celebra oggi.

 

“In questo senso, esprimiamo soddisfazione per i contenuti della Proposta di Legge regionale con ‘Misure di prevenzione e contrasto allo spreco alimentare’, all’ordine del giorno dei lavori odierni del Consiglio regionale, grazie alla quale è possibile compiere un ulteriore passo avanti su tali tematiche”, aggiunge la presidente.

 

“Promuovere azioni di consapevolezza è molto importante in quanto molto spesso lo spreco domestico nasce dalla mancata programmazione della spesa, da una conservazione igienico-sanitaria non adeguata e dalla difficoltà dei consumatori a leggere correttamente le etichette”, prosegue Buonomo.

 

“Vogliamo e dobbiamo lavorare per mettere in campo buone pratiche legate al diritto fondamentale di tutti gli individui all’accesso a un cibo sicuro, sano e nutriente e per questa ragione intendiamo promuovere attività di ricerca, informazione e sensibilizzazione rivolte ai consumatori, agli operatori alimentari e alle istituzioni”, spiega il direttore della Copagri Campania Paolo Conte.

 

“L’auspicio – concludono Buonomo e Conte – è che il lavoro fatto fin qui non si esaurisca con l’approvazione di una Legge regionale, ma che il tema dello spreco alimentare serva sempre più da stimolo per una riflessione e per un’azione di ben più ampia portata, utile a ridare valore al cibo e al lavoro dei produttori agricoli”.