Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri

La Lega araba non aumenterà la presenza della Siria al vertice di Tunisi a Beirut

Il summit si svolgerà a gennaio, nonostante l'appello al rinvio del presidente del parlamento libanese
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di sch

Il segretario generale aggiunto della Lega araba, Hossam Zaki, ha annunciato che l’invito della Siria al summit dell’organizzazione in Tunisia a marzo non sarà discusso durante il vertice sullo sviluppo economico e sociale arabo che si terrà a Beirut alla fine di questo mese. “La Lega non ha intenzione di discutere l’invito al summit del corpo in Tunisia durante l’imminente incontro in Libano, al quale neanche Damasco viene invitato”, ha detto Zaki.

Il vice capo ha anche confermato che il vertice di Beirut si svolgerà, come previsto, a gennaio nonostante l’appello al rinvio del presidente del parlamento libanese. “No, sarà in orario”, ha precisato. La Lega ha sospeso la partecipazione della Siria nel 2011 dopo lo scoppio della guerra. Gli stati membri hanno quindi ritirato i loro ambasciatori dal paese. Ma recentemente hanno fatto dei passi per ristabilire i legami diplomatici con il governo di Damasco.

Arab League’s Assistant Secretary-General Hossam Zaki told Sputnik on Saturday that Syria’s invitation to the organization’s summit in Tunisia in March would not be discussed during the Arab Economic and Social Development Summit that will take place in Beirut later this month. “The League has no plans to discuss invitation to the body’s summit in Tunisia during the upcoming meeting in Lebanon to which Damascus is not invited either,” Zaki said.

The deputy chief also confirmed that the Beirut summit will take place in January as planned despite the Lebanese parliament speaker’s call to postpone it. “No it will be on time,” he said. The League suspended Syria’s membership in 2011 after the war broke out. Member states then pulled their ambassadors from the country. But recently they have been making steps to re-establish diplomatic ties with the government in Damascus.