Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca

‘Ndrangheta, faida Reventino: 12 fermi

Indagini scaturite da sequestro avvocato Pagliuso
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

Ci sono anche la violenza privata e il sequestro di persona ai danni dell’avvocato Francesco Pagliuso, ucciso nell’agosto del 2016, tra i reati contestati, a vario titolo, a 12 persone sottoposte a fermo questa mattina dai carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro e Reparti speciali, impegnati nella provincia di Catanzaro ed in alcune località del nord Italia in una vasta operazione – denominata ‘Reventinum’ – per l’esecuzione di un fermo di indiziato di delitto per associazione di tipo mafioso ed altro nei confronti di soggetti ritenuti appartenenti a due contrapposte cosche di ‘ndrangheta attive nell’area montana della Sila catanzarese, quelle degli Scalise e dei Mezzatesta. Contestualmente sono in corso numerose perquisizioni. Il provvedimento di fermo è stato emesso dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia – di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri. Ai sodali destinatari del fermo sono contestati, a vario titolo, una serie di reati, tra i quali associazione a delinquere estorsione e appunto violenza privata e sequestro di persona, nell’ambito di una vera e propria faida scaturita per la supremazia del controllo dell’area montana della provincia. Due i fermi emessi per un uomo e una donna in provincia di Verbania

Notizie correlate