Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Tendopoli di San Ferdinando (RC), Legacoop: “Tavolo regionale per affrontare questione migranti”

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

“Le posizioni assunte dalla Cgil, sulla tendopoli di San Ferdinando, ci lasciano alquanto perplessi se non critici. Legacoop Calabria e, con essa, il settore delle Cooperative Sociali ed il comparto delle politiche sui migranti, si pongono alcune domande alle quali le risposte non possono, e non debbono, essere immediate, ma ben ponderate”. Lo riporta una nota di Legacoop Calabria. “Come è possibile – aggiunge il comunicato – che dopo tanti anni di ‘fenomeno’ dei migranti, da dopo i fatti di Rosarno almeno, ancora stiamo qui a discutere di tendopoli, o altre sistemazioni di emergenza, che tutto fanno tranne che garantire la sicurezza e la dignità della persona? Come è possibile che ad oggi non si sia puntato ad una accoglienza integrata e diffusa, come suggerisce ora, giustamente, la Regione Calabria e come sostenuto dalle nostre cooperative dal lontanissimo 1998 (ben prima della nascita degli Sprar). Come è pensabile che, con l’attenuante della emergenza, si possa riproporre la stessa soluzione che ha, palesemente, fallito”.

“Ci spiace – è detto ancora nella nota – anche che la Cgil usi un tono moralista nel voler affrontare la discussione. Le loro notti insonni sono le stesse di chi da anni opera direttamente, o indirettamente, nel settore ma, al contrario loro, non la hanno mai usata come elemento di dibattito”.

“La situazione attuale – sostiene Legacoop – è tra le più difficili che si siano verificate dal dopoguerra ad oggi. Ci troviamo con un governo estremamente reazionario che ci fa percepire come la nostra Democrazia sia in pericolo”. “Per questo motivo – propongono – pensiamo che, da subito, bisogna indire un tavolo regionale, di chi opera nel settore migranti a vario titolo, per attivare urgentemente, questo sì, le varie azioni, quelle indicate e condivise, che possano portare ad una reale e veloce accoglienza diffusa che sicuramente garantirà la dignità e la sicurezza di queste persone, di questi lavoratori. A questo tavolo dovranno essere coinvolti anche i migranti e le associazioni formatesi negli anni”.

“Contemporaneamente – conclude la nota – ci dobbiamo sforzare a trovare una unità che possa fare da argine a quanto sta succedendo. Una unità che non deve essere solo sulla tematica immigrazione ma su tutti gli argomenti che riguardano l’uomo, i diritti e la salute. Confidiamo che la Regione Calabria possa rispondere, velocemente, a questo nostro appello”.