Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Sanità, Lorenzin (Cp): “CSS messo sotto dossieraggio”

“Si faccia luce al più presto”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di com/onp

“Sono veramente dispiaciuta per i rappresentanti del CSS, uomini e donne di altissima caratura, personalità scientifiche di livello mondiale, medici che hanno lavorato con successo nei più importanti istituti italiani e internazionali, messi sotto dossieraggio per scoprire e colpire opinioni o idee politiche o perfino per aver curato vip. Quando li ho chiamati per un servizio pubblico di grande delicatezza e prestigio, non remunerato, come il CSS, non avrei mai pensato che avrebbero potuto trovarsi sottoposti a dossier, gogna mediatica solo per giustificare un’epurazione condotta con uno stile senza precedenti, quando tra l’altro è nei poteri del ministro sciogliere il CSS e rinominarlo”. Così Beatrice Lorenzin, leader di Civica Popolare ed ex Ministro della Salute.

“Sono molto preoccupata per questa rivoluzione bianca in base alla quale- a leggere l’articolo di stampa di oggi- sembra pratica comune per il M5S chiedere di redigere dossier su quelli che ritengono personaggi scomodi o distonici dal movimento e poi utilizzarli in vario modo. Quando poi questa pratica la si esercita su scienziati e medici la cui colpa è ad esempio aver operato un ex presidente del Consiglio – e dico io chissà quanti altri famosi e non famosi- ,ci si chiede dove si fermeranno. È molto facile costruire profili o demolirli quando si è padroni del web. Oggi tocca ai medici, domani ai magistrati, al funzionario che vuoi eliminare o promuovere, poi al vicino di casa scomodo. Questa vicenda è a dir poco inquietante e ci aspettiamo che venga fatta chiarezza. Sulle prossime nomine del CSS spero solo siano bravi e competenti a prescindere dalle loro idee, h-index e impact-factor sono indicatori oggettivi per i profili della ricerca e mi permetto di consigliare alla ministra di non considerare la frustrazione come elemento di valutazione dei medici richiamati dall’estero, ma il merito”, conclude Lorenzin.

Notizie correlate