Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Lazio/RomaCapitale, Roma

Traffico in tilt per la protesta dei bus turistici

Bloccato dalle prime ore di oggi il Centro storico e le sue vie di accesso. Raggi: "E' inaccettabile che la città sia tenuta sotto scacco"
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di Redazione

Dopo i disagi degli scorsi giorni causati dalle proteste degli Ncc e tassisti oggi a Roma si registra il blocco del traffico imposto dai pullman turistici che hanno avviato una giornata di lotta contro la decisione del Campidoglio di chiudere a loro l’accesso nel Centro storico. Il risultato è che per il terzo giorno di fila la Capitale è sotto scacco. Traffico in tilt a cui si aggiunge una leggera pioggia che non aiuta iu cittadini romani.  I mezzi da questa mattina hanno bloccato dalla Bocca della verità a piazza Venezia le principali arterie congestionando la città fin dalle prime ore di oggi. Solo ieri una protesta dei Taxi ha tenuto in ostaggio i romani, imbottigliati nel traffico e senza auto bianche a Fiumicino e alla Stazione Termini. Mercoledì il servizio è tornato regolare, ma in mattinata è prevista la protesta dei tassisti di fronte al Senato dove è in discussione la Manovra economica.

“È inaccettabile che Roma sia tenuta sotto scacco dai bus turistici. È finito il tempo in cui potevano scorrazzare per la città. Il centro va liberato”, ha commentato la sindaca Virginia Raggi. “Noi abbiamo a cuore il centro storico della nostra città e, se lo abbiamo a cuore, dobbiamo avere il coraggio di dire che i bus turistici al centro non devono stare, come avviene nelle altre Capitali”, ha proseguito la sindaca incontrando una delegazione dei manifestanti. “È inaccettabile che il centro sia tenuto sotto scacco dai bus turistici e oggi da un gruppo di persone venute qui a protestare – ha aggiunto -. I tavoli sono iniziati nel ’99 probabilmente in 20 anni nessuno ha avuto interesse a sistemare questa situazione. Abbiamo dato 2 anni di tempo per adeguarsi”.