Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Ddl anticorruzione, Cosimo Ferri (Pd): testo frammentario e disorganico

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di red

“Il Governo dice chi sbaglia paga, come se punire la corruzione fosse una novità, ed è miope rispetto a quanto è stato fatto in passato. Il decreto non realizza affatto quel cambiamento necessario per combattere la piaga della corruzione e non migliora l’efficienza della giustizia. Si tratta di un testo frammentario, disorganico e non in linea con i principi fondamentali a differenza delle riforme dei Governi Renzi e Gentiloni. Bisogna portare avanti il lavoro fatto negli ultimi anni. Abbiamo infatti introdotto: nuove ipotesi di sospensione della prescrizione; aumento del tempo massimo della prescrizione in presenza di atti interruttivi; inasprimento delle pene per diversi reati contro la pubblica amministrazione, da cui deriva anche un allungamento dei termini di prescrizione; aumento della durata della pena accessoria dell’incapacità di contrarre con la PA; introduzione del reato di autoriciclaggio e disciplina del falso in bilancio come delitto per far emergere condotte di corruzione. Sono interventi incisivi, di sistema, che mirano a contrastare efficacemente i fenomeni corruttivi in modo organico e sinergico, in un’ottica complessiva, anche economica e nel rispetto della Costituzione e dei principi generali. L’Italia non ha bisogno di norme manifesto ma di riforme serie e in linea con quanto richiesto anche a livello europeo. Si racconti la verità, si riconosca quanto fatto in passato e si monitorino gli effetti”. Lo affernma in una nota Cosimo Ferri del Pd