Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Russia-Ucraina

Russia-Ucraina, Mogherini: Mosca rilasci navi ed equipaggio incidente Kerch

“La nostra priorità ora è quella di ripristinare la sicurezza e la cooperazione nella nostra regione”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di Redazione

Il capo della politica estera dell’Ue Federica Mogherini ha esortato la Russia a rilasciare immediatamente le navi e gli equipaggi ucraini arrestati a seguito dell’incidente nello stretto di Kerch. “La nostra priorità  ora è quella di ripristinare la sicurezza e la cooperazione nella nostra regione. Invitiamo quindi tutte le parti a mostrare la massima moderazione per ridurre immediatamente la situazione. E vogliamo che la Russia rilasci le navi catturate, l’equipaggio e le attrezzature senza condizioni e senza indugio. Ci aspettiamo che la Russia garantisca il libero passaggio attraverso lo Stretto di Kerch in conformità con il diritto internazionale”, ha detto Mogherini al 25° Consiglio ministeriale dell’OSCE.

Il 25 novembre, tre navi della Marina ucraina – Berdyansk, Nikopol e Yany Kapu – hanno varcato il confine russo, sono entrate nelle acque territoriali russe che sono state temporaneamente chiuse, e hanno iniziato a muoversi verso lo Stretto di Kerch, che funge da ingresso nel Mare di Azov. Le navi ucraine e il loro equipaggio sono stati arrestati dalla Russia per non aver risposto a una legittima richiesta di arresto. In risposta all’incidente, il presidente ucraino Petro Poroshenko ha firmato il decreto sulla legge marziale in diverse regioni ucraine situate vicino al confine russo e le coste del Mar Nero e del Mar di Azov.

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che l’incidente è stata una provocazione preparata in anticipo come pretesto per introdurre la legge marziale in Ucraina. Putin ha detto che la provocazione potrebbe essere collegata al basso rating di approvazione di Poroshenko in vista della campagna presidenziale che inizierà a fine dicembre.

EU foreign policy chief Federica Mogherini on Thursday urged Russia to immediately release Ukrainian ships and crews detained as a result of the incident in the Kerch Strait.”Our priority now is to restore security and cooperation in our region. So, we call on all sides to show utmost restraint to de-escalate the situation immediately. And we want Russia to release the captured vessels, the crew and equipment unconditionally and without delay. We expect Russia to ensure a free passage through the Kerch Strait in accordance with international law,” Mogherini said at the 25th OSCE Ministerial Council.On November 25, three ships of the Ukrainian Navy — Berdyansk, Nikopol, and Yany Kapu — breached the Russian border, entered Russian territorial waters that were temporarily closed, and began moving toward the Kerch Strait, which serves as an entrance into the Sea of Azov. The Ukrainian vessels and their crew were detained by Russia after failing to respond to a lawful demand to stop.In response to the incident, Ukrainian President Petro Poroshenko signed the decree on the martial law in several Ukrainian regions located near the Russian border and the coasts of the Black Sea and the Sea of Azov.Russian President Vladimir Putin has said that the incident was a provocation prepared in advance as a pretext to introduce martial law in Ukraine. Putin said the provocation could be linked to Poroshenko’s low approval rating ahead of the presidential campaign set to start in late December.