Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Alluvione Crotone, Rizzo: “Ripristinato depuratore Corap”

fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino
di NeC

“Nel giro di dieci giorni è stato ripristinato il corretto uso del depuratore del Corap sia per la parte dei reflui cittadini sia per il trattamento delle acque di falda di Syndial”. Così l’assessore all’Ambiente della Regione Calabria Antonella Rizzo interviene, in una nota dell’ufficio stampa della giunta, sugli eventi metereologici verificatisi domenica 25 novembre, che hanno provocato ingenti danni ai centri commerciali, capannoni, aziende e privati presenti nella zona industriale di Crotone. “Il crono programma – spiega la Rizzo – stabilito dal tavolo tecnico promosso dal dipartimento di Protezione Civile Nazionale e coordinato dall’assessorato all’Ambiente, riunitosi presso la Cittadella regionale il 26 novembre è stato non solo rispettato ma anche anticipato nella tempistica. Nel ringraziare l’ingegner Guido De Cristofaro della Cogei, per il prezioso lavoro svolto in questi giorni, l’assessore comunica che tre linee del depuratore per il trattamento di acqua di falda, sono state ripristinate garantendo l’emungimento di 210 metri cubi di acqua l’ora, per cui oggi si è a regime”.

“L’assessore Rizzo – è detto nel comunicato – esprime inoltre particolare soddisfazione per i provvedimenti approvati nella seduta di Giunta dello scorso 3 novembre e adottati a seguito del sopralluoghi effettuati assieme al Presidente della Regione, a conferma degli impegni assunti durante la visita dei luoghi colpiti dagli eventi calamitosi”. “In particolare – afferma l’assessore all’Ambiente – ieri la Giunta, unitamente al Bilancio di previsione ha messo in campo strumenti economici in favore dei privati e delle attività produttive che hanno subìto danni a seguito dell’eccezionale ondata di maltempo”. “Nello specifico – conclude – la Giunta ha approvato uno strumento finanziario per la concessione di prestiti, microcredito o altre tipologie di prodotti finanziari in favore delle imprese ubicate in aree regionali per le quali è stato richiesto lo stato di calamità”.