Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Siria

Lavrov: Stati Uniti usano Stato islamico come pretesto per presenza militare nel paese

“Il loro principale obiettivo attuale è quello di cambiare di nuovo il regime, non di sconfiggere il Daesh”
fonte: AGV - Agenzia Giornalistica il Velino/Sputnik
di Redazione

Gli Stati Uniti usano il gruppo terroristico dello Stato islamico come pretesto per la sua presenza militare in Siria. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, che ha anche accusato Washington di aver considerato il Daesh “quasi come un alleato” nella sua lotta contro il governo siriano. “La mia ipotesi che gli Stati Uniti usano lo Stato islamico come una giustificazione della sua presenza militare in Siria, e quasi come un alleato nella sua lotta contro il regime siriano, si è dimostrata vera. Quindi, il loro principale obiettivo attuale è quello di cambiare di nuovo il regime, non di sconfiggere il Daesh”, ha detto Lavrov in una conferenza stampa con il suo omologo portoghese Augusto Santos Silva a Lisbona. Secondo Lavrov, usare questi pretesti “non fa onore” agli Stati Uniti, dimostrando di avere un “programma nascosto” in Siria a parte quello “palesemente dichiarato” di eliminare il terrorismo in Siria.



The United States uses the Islamic State terrorist group (IS, banned in Russia) as a pretext for its military presence in Syria, Russian Foreign Minister Sergey Lavrov said on Saturday, also slamming Washington for regarding the IS “almost as an ally” in its fight against the Syrian government.

Lavrov recalled that the US Department of State had recently said that the IS had not been defeated yet, while the necessary conditions for its defeat were the change of the Syrian ruling regime, and the withdrawal of any Iranian and pro-Iranian troops from the country.



”My guess that the United States regards the IS as a justification of its military presence in Syria, and almost as an ally in its fight against the Syrian regime, has proved true. So, their major aim currently is to change the regime again, not to defeat the IS,” Lavrov said at a press conference with his Portuguese counterpart Augusto Santos Silva in Lisbon.

According to Lavrov, using such pretexts “does no credit” to the United States, proving that it has a “hidden agenda” in Syria apart from the “blatantly declared one” of eliminating terrorism in Syria.

Notizie correlate